Martedì 22 Gennaio 2019 | 19:40

NEWS DALLA SEZIONE

Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 

Abusi su bambine e mamme disposta perizia su neurologo

BARI - Sarà una perizia medico-legale a stabilire se nelle visite di Dante Galeone sui suoi pazienti, il primario usasse tecniche mediche oppure abusasse di loro. Lo ha stabilito il gup del Tribunale di Bari Antonio Diella dinanzi al quale si sta celebrando il processo con rito abbreviato in cui l'ex neurologo dell'ospedale Giovanni XXIII di Bari è imputato con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di cinque pazienti minorenni e di due mamme. 
Abusi su bambine e mamme disposta perizia su neurologo
BARI - Sarà una perizia medico-legale a stabilire se nelle visite di Dante Galeone sui suoi pazienti, il primario usasse tecniche mediche oppure abusasse di loro. Lo ha stabilito il gup del Tribunale di Bari Antonio Diella dinanzi al quale si sta celebrando il processo con rito abbreviato in cui l'ex neurologo dell'ospedale Giovanni XXIII di Bari è imputato con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di cinque pazienti minorenni e di due mamme.

Nell'udienza di oggi era prevista la sentenza ma il giudice, anche sulla base delle indagini difensive e in particolare di una consulenza di parte redatta da Roberto Catanesi e Donato Torelli, ha emesso un'ordinanza con la quale dispone una perizia da affidare ad un neurologo pediatra e ad un medico legale per valutare la «congruità e utilità ai fini diagnostici di alcune attività cliniche». Con lo stesso provvedimento il gup ha disposto l'esame di alcune delle presunte vittime, compresa una ex paziente che ora vive in America e per la quale sarà necessaria una rogatoria con gli Stati Uniti. Il processo è stato aggiornato al prossimo 13 febbraio.

Nei confronti dell'imputato il pm della Procura di Bari Chiara Giordano che ha coordinato le indagini sui presunti abusi ha chiesto nelle scorse udienze la condanna a 6 anni di reclusione mentre il difensore, l'avvocato Michele Laforgia, ne ha chiesto l'assoluzione. Le presunte vittime, costituite parti civili, avevano chiesto tramite i loro legali risarcimenti fra i 50 e i 250mila euro. Nell'ambito di questa indagine il medico è stato arrestato nel febbraio 2013.

Le minori, all'epoca dei fatti di età compresa tra 12 e 16 anni, hanno raccontato agli inquirenti di aver subito abusi, consistiti soprattutto in palpeggiamenti, durante le visite mediche. Una delle ragazze ha riferito di almeno 15 episodi tra il 2002 e il 2007, ma le accuse arrivano fino al 2013. Racconti simili a quelli delle giovani pazienti sono stati fatti dalle mamme. Nel loro caso il medico, dopo aver visitato i figli, avrebbe suggerito alle donne di sottoporsi ad un controllo offrendosi di visitarle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400