Sabato 19 Gennaio 2019 | 17:08

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 

Scavi edilizi abusivi riempiti con rifiuti: sequestrato suolo

BARI - A Castellana Grotte, in provincia di Bari, il Corpo forestale dello Stato (Comando Stazione di Alberobello) ha sequestrato un fondo privato nel quale erano in atto dei lavori abusivi e rifiuti venivano utilizzati per fare dei riempimenti.
Scavi edilizi abusivi riempiti con rifiuti: sequestrato suolo
BARI - A Castellana Grotte, in provincia di Bari, il Corpo forestale dello Stato (Comando Stazione di Alberobello) ha sequestrato un fondo privato nel quale erano in atto dei lavori abusivi e rifiuti venivano utilizzati per fare dei riempimenti.
Denunciato il proprietario dopo l’accertamento che nessuna autorizzazione era stata rilasciata. Il terreno sequestrato è limitrofo ad un bosco ed è collocato all’interno dell’oasi di protezione faunistica denominata “Castello Marchione”. Di fatto, si è configurata una discarica abusiva costituita da terre e rocce da
scavo provenienti da altri siti. Inoltre un piazzale di circa 530 mq, anch’esso completamente abusivo, è stato realizzato mediante il livellamento e lo spianamento dei materiali abbandonati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400