Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:39

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Running heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Con il sindaco
Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Trasformazione in spa le Banche popolari scelgono la linea dura

MILANO - Le banche popolari vanno allo scontro col governo sulla riforma del settore. Riuniti per fare il punto sul provvedimento varato martedì dall’esecutivo guidato da Matteo Renzi, i banchieri di Assopopolari scelgono la linea dura. «Non lasceremo nulla di intentato, perchè il decreto venga meno e l'ordinamento giuridico continui a consentire a tutte le banche popolari di mantenere la propria identità»
Trasformazione in spa le Banche popolari scelgono la linea dura
MILANO - Le banche popolari vanno allo scontro col governo sulla riforma del settore. Riuniti per fare il punto sul provvedimento varato martedì dall’esecutivo guidato da Matteo Renzi, i banchieri di Assopopolari scelgono la linea dura. «Non lasceremo nulla di intentato, perchè il decreto venga meno e l'ordinamento giuridico continui a consentire a tutte le banche popolari di mantenere la propria identità» mettono nero su bianco al termine dell’incontro nella sede milanese della Banca popolare dell’Emilia Romagna (Bper).Il decreto legge è «ingiustificato e ingiustificabile» , tuona l’associazione degli istituti che il governo vuole trasformare da cooperative in società per azioni con tanto di quotazione in borsa in massimo 18 mesi, parlando di «una politica economica finalizzata esclusivamente a trasferire la proprietà di una parte rilevante del sistema bancario italiano alle grandi banche internazionali».

Si vedrà se la battaglia sarà solo in Parlamento, in sede di conversione del decreto, parlamento nel quale il settore conta su appoggi trasversali da parte di tutte le forze politiche, oppure ci sarà spazio per un ricorso legale.

A prescindere dal fatto che le iniziative - da studiare bene - per evitare che il decreto diventi legge vadano a buon fine, non mancherà comunque una nuova tornata di aggregazioni di istituti bancari e di revisione della governance delle popolari, che anche i banchieri ritengono non più differibile.

«Le banche popolari continueranno con maggiore urgenza e determinazione a perseguire una ulteriore evoluzione del proprio ordinamento cooperativo e a proseguire un processo di concentrazione» assicura Assopopolari indicando che in ogni caso «non mancherà il coraggio, la fantasia e la determinazione per proseguire la propria storia, anche in un contesto normativo pregiudizialmente e irragionevolmente avverso».

Di certo il decreto «è stato accolto con grande stupore, è stato del tutto imprevisto. Si sapeva che le popolari dovevano fare qualcosa ma nessuno si aspettava un provvedimento di queste misura con queste caratteristiche», rileva Piero Giarda, presidente del consiglio di sorveglianza di Bpm (Banca popolare di Milano, l’istituto che la borsa (dove ieri, per i titoli delle banche popolari, si è registrata un’altra seduta di rialzi degli indici) vede bene come possibile cavaliere bianco per salvare Carige (Cassa di risparmio di Genova e Imperia). Secondo Giarda comunque la mossa del governo non è stata fatta per salvare la banca genovese né tantomeno l’altra in difficoltà, Mps (Monte dei paschi di Siena).

Al di là dei commenti dei banchieri al termine del vertice, sul tema è intervenuto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a Milano per ritirare un premio del governo britannico all’impresa che presiede, la Mapei. La riforma con l’eliminazione del voto capitario (una testa equivale a non più che un voto) «è - ha commentato il presidente di Confindustria - una mossa che va nella direzione giusta». Tuttavia, ha aggiunto «mi auguro non sottragga credito alle imprese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400