Domenica 20 Gennaio 2019 | 07:41

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Guerra tra clan a Bari sequestrate 2 pistole

BARI – Due pistole sono state sequestrate dalla polizia nell’abitazione, al rione Picone di Bari, di Carmelo Ruggiero, di 50 anni, nel corso di perquisizioni compiute dopo l’agguato in cui è stato ucciso Nicola Lorusso, padre del presunto capoclan Umberto, assassinato con raffiche di kalashnikov lo scorso 11 gennaio
Guerra tra clan a Bari sequestrate 2 pistole
BARI – Due pistole sono state sequestrate dalla polizia nell’abitazione, al rione Picone di Bari, di Carmelo Ruggiero, di 50 anni, nel corso di perquisizioni compiute dopo l’agguato in cui è stato ucciso Nicola Lorusso, padre del presunto capoclan Umberto, assassinato con raffiche di kalashnikov lo scorso 11 gennaio. Ruggiero è accusato di detenzione illegale di armi da fuoco clandestine, ricettazione e detenzione di munizionamento.

Nella sua casa sono state trovate una pistola semiautomatica calibro 6,35 con 6 cartucce nel caricatore e con colpo in canna, e una pistola semiautomatica calibro 7,65 completa di caricatore con 9 cartucce, e 62 cartucce calibro 7,65. L’arrestato - secondo la polizia – risulta vicino al clan 'Mercantè del quartiere libertà, legame provato anche dalla presenza, su di in mobile, della foto incorniciata e con accanto una lampada votiva, ritraente Donato Sifanno, ucciso la sera del 15 febbraio 2014 nel quartiere san Paolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400