Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 00:23

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 

Rifiuti, sindaco Decaro: «Regione trovi soluzione Tari non aumenterà» Flop differenziata in Puglia Disastro discarica Martucci parti civili Regione e Comuni

BARI – Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha chiesto un incontro la presidente della Regione, Nichi Vendola, a nome dei 41 comuni dell’area metropolitana "affinchè la Regione individui una soluzione definitiva alla questione" dell’emergenza rifiuti che si sta verificando con la chiusura di varie discariche. (Foto d'archivio)
Rifiuti, sindaco Decaro: «Regione trovi soluzione Tari non aumenterà» Flop differenziata in Puglia Disastro discarica Martucci parti civili Regione e Comuni
BARI – Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha chiesto un incontro la presidente della Regione, Nichi Vendola, a nome dei 41 comuni dell’area metropolitana "affinchè la Regione individui una soluzione definitiva alla questione" dell’emergenza rifiuti che si sta verificando con la chiusura di varie discariche.

"Le discariche di Conversano e Giovinazzo previste dal Piano rifiuti della Regione Puglia per l’Ato di Bari – afferma Decaro - sono entrambe inutilizzabili. Nello specifico, il sito di Conversano è stato chiuso nel 2013 e quello di Giovinazzo non è mai entrato in funzione per una modifica della normativa nazionale.

Attualmente, anche le discariche alternative individuate successivamente dalla Regione sono inutilizzabili o sottoposte a restrizioni". Per questo, secondo Decaro, nasce "la necessità di modificare il Piano regionale dei rifiuti in relazione al recapito finale per i 41 comuni dell’area metropolitana di Bari".

"Già in questi mesi – prosegue – l'Ato Ba si è adoperata su questo fronte, chiedendo alla Provincia di Bari una ricognizione sul territorio che ha certamente portato all’individuazione di 28 potenziali siti sui quali poter realizzare una discarica, ma perchè anche solo uno di questi possa essere trasformato in una discarica, necessita di almeno 2 anni, tra l’iter autorizzativo e l’esecuzione dei lavori necessari".

"Detto ciò – aggiunge – per i prossimi dieci giorni in cui dovremo far fronte alle difficoltà createsi, sono già state individuate soluzioni tampone che eviteranno i possibili disagi nei vari comuni dell’aerea metropolitana e contemporaneamente stiamo lavorando ad una soluzione temporanea che assicuri maggiore stabilità nei prossimi mesi, ferma restando l’urgenza di arrivare nel minor tempo possibile ad una soluzione definitiva da inserire nel Piano regionale".

"Già da diversi mesi i comuni dell’area metropolitana di Bari stanno conferendo i propri rifiuti nelle altre province, utilizzando discariche private per rifiuti speciali con un aggravio dei costi complessivi del servizio. Questo potrebbe comportare un aumento della Tari nei singoli comuni". 

"Per quanto riguarda il comune di Bari – aggiunge – questa ipotesi è al momento scongiurata, perchè l’aumento dei costi è stato assorbito grazie al comportamento virtuoso dei baresi che hanno aumentato la raccolta differenziata di 7 punti negli ultimi cinque mesi determinando una riduzione della quantità complessiva dei rifiuti da conferire nelle discariche".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400