Sabato 19 Gennaio 2019 | 06:54

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Dopo 20 anni chiuso contenzioso Oncologico-ex Ccr

BARI - Dopo quasi vent'anni si chiude il contenzioso civile e amministrativo tra le ex Case di cura riunite e l'Istituto Tumori di Bari. Nelle stesse ore l'IRCCS barese ha avuto il riconoscimento ufficiale della proprietà della nuova sede di Viale Orazio Flacco. «È un momento storico per questo Istituto - commenta il direttore generale Antonio Quaranta - abbiamo chiuso una vertenza che pesava come un macigno»
Dopo 20 anni chiuso contenzioso Oncologico-ex Ccr
BARI - Dopo quasi vent'anni si chiude il contenzioso civile e amministrativo tra le ex Case di cura riunite e l'Istituto Tumori di Bari. Nelle stesse ore l'IRCCS barese ha avuto il riconoscimento ufficiale della proprietà della nuova sede di Viale Orazio Flacco.
Iil notaio - è detto in una nota dell'Istituto oncologico - ha depositato gli atti e completato le procedure richieste. Le cause con le Ccr vengono chiuse con una transazione di poco più di 11 mln di euro (11.091.353,63) di cui 3 milioni a carico dell'Istituto e 8 pagati dalla Regione. Tre erano le ragioni della contesa: la richiesta danni da parte di Ccr per il mancato rilascio dell'immobile della Mater Dei, in cui era ospitato l'Istituto Tumori (132 milioni di cui 26 già versati); il rimborso delle prestazioni sanitarie e dei canoni di locazione che dopo il 'crac' non furono pagati (23 milioni più interessi chiesti da Ccr per il periodo 1990-1996) e la richiesta dell'Istituto Tumori a Ccr della restituzione di quasi 11 milioni di euro di crediti pignorati per l'esecuzione di un lodo arbitrale annullato in Cassazione.

«È un momento storico per questo Istituto - commenta il direttore generale Antonio Quaranta - abbiamo chiuso una vertenza che pesava come un macigno sulle nostre casse. Avere poi una sede di proprietà significa essere solidi economicamente e potersi dedicare serenamente alla nostra missione, la cura e la ricerca sul cancro». Con la legge regionale n 15 del 2013 si è stabilito il trasferimento a titolo gratuito dell'ex ospedale Cotugno dalla Asl Bari all'Istituto Tumori. Oggi sono stati completati gli ultimi atti da parte del notaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400