Martedì 19 Febbraio 2019 | 07:42

NEWS DALLA SEZIONE

La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 
L'evento
Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

 
Truffa
Bari, si fingeva geometra del Comune e derubava gli anziani: arrestato

Bari, si fingeva geometra del Comune e derubava gli anziani: arrestato

 
Alla facoltà di giurisprudenza
Bari, «Sexy avances dal professore»: per la Procura il caso è chiuso

Bari, «Sexy avances dal prof»: per la Procura il caso è chiuso

 
Ambiente ferito
Bari, mattanza di tartarughe marine: decapitate per superstizione

Bari, mattanza di tartarughe marine: decapitate per superstizione

 
I retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 
L'elezione
Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente

Bari, l'ex campione mondiale di canottaggio Verroca è il nuovo presidente del circolo Barion

 
L'incidente a Locri
Bari, tifoso esulta per il gol del Bari e precipita nel vuoto: è grave

Locri, tifoso barese esulta dopo il gol di Di Cesare e precipita nel vuoto: grave Vd

 
Da piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
Società
Un albo per le prostitute: la proposta veneta e le reazioni

Un albo per le prostitute: la proposta veneta e le reazioni

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Trivellazioni, stop al largo Polignano

di ANTONIO GALIZIA
POLIGNANO (Bari) - La Commissione tecnica nazionale di Valutazione dell’impatto ambientale (Via) e Valutazione ambientale strategica (Vas) ha bloccato le attività perché il progetto della società londinese, vista la sua complessità e soprattutto visto l’impatto previsto sull’ambiente marino, presenta delle grandi lacune (nella foto i sindaci no triv)
Trivellazioni, stop al largo Polignano
ANTONIO GALIZIA
POLIGNANO A MARE - Stop alla trivellazioni nell’Adriatico con il metodo Air Gun (tecnica di ispezione dei fondali marini eseguita con esplosioni continue di aria al fine di verificare la presenza sottomarina di idrocarburi). A fermare i «cannoni» utilizzati dalla Global Petroleum (la multinazionale inglese che nell’agosto 2013 aveva presentato l’istanza di permesso per la ricerca di giacimenti al largo di Polignano a mare, Monopoli, Bari, Giovinazzo, Molfetta, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi, Molfetta, San Pietro Vernotico e Torchiarolo) è il Ministero per lo sviluppo economico.

La Commissione tecnica nazionale di Valutazione dell’impatto ambientale (Via) e Valutazione ambientale strategica (Vas) ha bloccato le attività perché il progetto della società londinese, vista la sua complessità e soprattutto visto l’impatto previsto sull’ambiente marino, presenta delle grandi lacune. Come «l’assenza di uno studio, certificato dalle principali istituzioni scientifiche nazionali e internazionali che si occupano della cetofauna, che contenga il crono-programma, che limiti gli impatti sui grandi cetacei, contenente maggiori dettagli sui periodi di osservazione e avvistamento di mammiferi marini, capodogli».

«È possibile che gli esperti del ministero abbiano compreso che ci sia un probabile legame tra lo spiaggiamento di mammiferi e tartarughe marine avvenuto a Polignano, a Vasto e sul Gargano e la ricerca di petrolio – spiega a questo proposito l’ingegnere ambientale Giuseppe De Leonibus, l’esperto che in uno studio di 333 pagine ha presentato le osservazioni al programma di trivellazioni per conto del Comune di Polignano a Mare - quindi sarebbe il caso di mettere in atto una moratoria contro le trivellazioni o quantomeno una indagine pubblica come previsto dal testo unico sull’ambiente (decreto legislativo 152 del 2006)».

Alla società petrolifera viene inoltre contestata l’assenza di una «relazione costi-benefici sui quantitativi previsionali di idrocarburi estraibili in questa zona dell’Adriatico» e di «uno studio approfondito sull’impatto e i tempi di esecuzione delle indagini geosismiche».

Esultano i comitati e le associazioni a Polignano a Mare, città in prima linea tanto contro le trivellazioni che contro il tracciato dell’elettrodotto Durazzo-Puglia, interventi che, a giudizio del sindaco Domenico Vitto, potrebbero avebbero un impatto devastante su settori ritenuti centrali per l’economia locale, ovvero il turismo e la pesca.

«Le richieste del Ministero - dichiara il primo cittadino - supera nei contenuti il decreto Sblocca Italia che considera strategiche le prospezioni per il sistema energetico nazionale e recepisce le osservazioni prodotte dal nostro consulente che aveva evidenziato nel suo studio le lacune evidenziate ora dalla commissione nazionale». «Siamo fiduciosi – aggiunge Mimmo Lomelo, portavoce regionale dei Verdi e presidente della commissione Ambiente del Comune di Polignano – perché nel momento in cui si chiedono integrazioni vuol dire che il procedimento e le autorizzazioni vengono bloccate. Noi insistiamo col chiedere una moratoria, intanto attendiamo fiduciosi un diniego definitivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400