Sabato 19 Gennaio 2019 | 05:46

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Trivellazioni, stop al largo Polignano

di ANTONIO GALIZIA
POLIGNANO (Bari) - La Commissione tecnica nazionale di Valutazione dell’impatto ambientale (Via) e Valutazione ambientale strategica (Vas) ha bloccato le attività perché il progetto della società londinese, vista la sua complessità e soprattutto visto l’impatto previsto sull’ambiente marino, presenta delle grandi lacune (nella foto i sindaci no triv)
Trivellazioni, stop al largo Polignano
ANTONIO GALIZIA
POLIGNANO A MARE - Stop alla trivellazioni nell’Adriatico con il metodo Air Gun (tecnica di ispezione dei fondali marini eseguita con esplosioni continue di aria al fine di verificare la presenza sottomarina di idrocarburi). A fermare i «cannoni» utilizzati dalla Global Petroleum (la multinazionale inglese che nell’agosto 2013 aveva presentato l’istanza di permesso per la ricerca di giacimenti al largo di Polignano a mare, Monopoli, Bari, Giovinazzo, Molfetta, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi, Molfetta, San Pietro Vernotico e Torchiarolo) è il Ministero per lo sviluppo economico.

La Commissione tecnica nazionale di Valutazione dell’impatto ambientale (Via) e Valutazione ambientale strategica (Vas) ha bloccato le attività perché il progetto della società londinese, vista la sua complessità e soprattutto visto l’impatto previsto sull’ambiente marino, presenta delle grandi lacune. Come «l’assenza di uno studio, certificato dalle principali istituzioni scientifiche nazionali e internazionali che si occupano della cetofauna, che contenga il crono-programma, che limiti gli impatti sui grandi cetacei, contenente maggiori dettagli sui periodi di osservazione e avvistamento di mammiferi marini, capodogli».

«È possibile che gli esperti del ministero abbiano compreso che ci sia un probabile legame tra lo spiaggiamento di mammiferi e tartarughe marine avvenuto a Polignano, a Vasto e sul Gargano e la ricerca di petrolio – spiega a questo proposito l’ingegnere ambientale Giuseppe De Leonibus, l’esperto che in uno studio di 333 pagine ha presentato le osservazioni al programma di trivellazioni per conto del Comune di Polignano a Mare - quindi sarebbe il caso di mettere in atto una moratoria contro le trivellazioni o quantomeno una indagine pubblica come previsto dal testo unico sull’ambiente (decreto legislativo 152 del 2006)».

Alla società petrolifera viene inoltre contestata l’assenza di una «relazione costi-benefici sui quantitativi previsionali di idrocarburi estraibili in questa zona dell’Adriatico» e di «uno studio approfondito sull’impatto e i tempi di esecuzione delle indagini geosismiche».

Esultano i comitati e le associazioni a Polignano a Mare, città in prima linea tanto contro le trivellazioni che contro il tracciato dell’elettrodotto Durazzo-Puglia, interventi che, a giudizio del sindaco Domenico Vitto, potrebbero avebbero un impatto devastante su settori ritenuti centrali per l’economia locale, ovvero il turismo e la pesca.

«Le richieste del Ministero - dichiara il primo cittadino - supera nei contenuti il decreto Sblocca Italia che considera strategiche le prospezioni per il sistema energetico nazionale e recepisce le osservazioni prodotte dal nostro consulente che aveva evidenziato nel suo studio le lacune evidenziate ora dalla commissione nazionale». «Siamo fiduciosi – aggiunge Mimmo Lomelo, portavoce regionale dei Verdi e presidente della commissione Ambiente del Comune di Polignano – perché nel momento in cui si chiedono integrazioni vuol dire che il procedimento e le autorizzazioni vengono bloccate. Noi insistiamo col chiedere una moratoria, intanto attendiamo fiduciosi un diniego definitivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400