Martedì 22 Gennaio 2019 | 08:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 

«La mia cagnetta adottata mi ha salvata dalla morte»

di LEO MAGGIO
BARI (PALESE) - Marilyn, randagio coraggioso, dalla immondizia del paese a eroe della protezione civile. È una bella storia di fedeltà e di amicizia quella di Marylin, un meticcio di Palo del Colle che sino a qualche settimana fa rovistava tra i rifiuti abbandonati davanti ai bidoni della spazzatura. A raccontarla è Natale Losurdo, un volontario di «Ada - Amici degli animali onlus»
«La mia cagnetta adottata mi ha salvata dalla morte»
di LEO MAGGIO

BARI (PALESE) - Marilyn, randagio coraggioso, dalla immondizia del paese a eroe della protezione civile. È una bella storia di fedeltà e di amicizia quella di Marylin, un meticcio di Palo del Colle che sino a qualche settimana fa rovistava tra i rifiuti abbandonati davanti ai bidoni della spazzatura. A raccontarla è Natale Losurdo, un volontario di «Ada - Amici degli animali onlus», una associazione animalista che in paese si occupa e si preoccupa dei cani abbandonati, fornendo loro cure, assistenza e la possibilità di una adozione che li tolga dalla strada. «Marylin è stata raccolta davanti ad un cassonetto di fronte al giardinetto di Viale Italia - dice Losurdo - è epilettica e ha diversi tumori alle mammelle, aveva bisogno di un’adozione del cuore. È stata adottata da Rossella Tassinari, una meravigliosa persona di Molini di Triora, un piccolo centro in fondovalle della provincia di Savona. L’ha presa, fatta sterilizzare e curata grazie anche al contributo di alcuni amici per le spese veterinarie. Marylin è già stata operata una prima volta – conclude Losurdo - ed è ora in attesa di subire un secondo intervento programmato a dicembre».

Così a Molini di Triora Maryil ha iniziato a vivere una nuova vita, a casa di Rossella, di professione sociologa e con una figlia disabile, che così ha deciso di rispondere all’appello dell’associazione animalista palese. «Rossella ha accolto così Marylin nella sua arca - dice Losurdo - perché Rossella ha un asino, un montone, un’oca, dei gatti e altri due cani, uno dei quali, Nebbia, un cagnone di 11 anni, con congiuntivite e otite irriducibili , è stata adottata da noi a settembre».
L’affetto e la gratitudine di Marylin per la sua nuova padrona si manifesta subito: Marilyn segue Rossella dovunque , in casa, a letto, in auto, al mare. È felice. Sino al giorno in cui le salva la vita e le ripaga così il suo debito di gratitudine. L’eroismo della piccola cagnetta di origini palesi, infatti, si consuma sullo sfondo dei disastri liguri, con le esondazioni e i fiumi di fango che hanno portato morte e distruzione nei piccoli centri del Savonese. Rossella ed altri due amici iniziano ad attraversare un ponte sul torrente Argentina. Marylin inizia a ringhiare furiosamente ma sulle prime Rossella non lo capisce. Maryilin insiste, ringhia e si dimena.

Poi finalmente Rossella e i suoi amici si allontanano dal ponte, qualche attimo prima dell’arrivo di una esondazione che sommerge il ponte tra le acque. Un gesto eroico per il quale Marylin è stata premiata come membro onorario della Protezione Civile. Una medaglia che la piccola cagnetta di origini palesi porta al collo con orgoglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400