Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 12:51

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Alpini pugliesi finita l'attesa recuperati i corpi

L’AQUILA – E' durata cinque lunghissimi giorni la straziante attesa delle famiglie di Giovanni e Massimiliano. Dopo l’escursione trasformatasi in tragedia per i due giovani alpini, morti venerdì scorso sul Gran Sasso dopo essere scivolati in un canalone e trovati sabato mattina, ad amplificare il dolore è stata la difficoltà di recuperare i loro corpi
Alpini pugliesi finita l'attesa recuperati i corpi
L’AQUILA – E' durata cinque lunghissimi giorni la straziante attesa delle famiglie di Giovanni e Massimiliano. Dopo l’escursione trasformatasi in tragedia per i due giovani alpini, morti venerdì scorso sul Gran Sasso dopo essere scivolati in un canalone e trovati sabato mattina, ad amplificare il dolore è stata la difficoltà di recuperare i loro corpi, con il vento forte e le bufere di neve ostacolo per i tentativi di avvicinamento dell’elicottero che avrebbe dovuto imbarcare le salme con il verricello. Fino a oggi pomeriggio, quando le condizioni meteo hanno finalmente permesso al velivolo della Forestale di operare in sicurezza, usando la tecnica dell’attacco al gancio baricentrico. A terra le unità del Cnsas e reparti del 9/o Reggimento Alpini della Brigata Taurinense dell’Aquila: i compagni di Giovanni e Massimiliano.

Tutto era cominciato venerdì scorso, giornata libera dal servizio per Giovanni De Giorgi, 26enne di Galatina (Lecce), e Massimiliano Cassa, 29 anni, di Corato (Bari), entrambi caporal maggiore al 9/o reggimento con alle spalle missioni dell’Esercito in patria e in Afghanistan. I due hanno deciso di fare un’escursione sul Corno Grande e, partiti da Campo Imperatore, si sono incamminati sulla via Normale – che da 2130 metri arriva alla vetta occidentale a quota 2912 – tanto frequentata d’estate quanto insidiosa in questa stagione. Ed è a metà strada, a quota 2.500, che deve averli sorpresi la nebbia. Il terreno roccioso ghiacciato ha fatto il resto. Non vedendoli tornare la sera e non riuscendo a entrare in contatto con loro un commilitone è andato a Campo Imperatore, ha trovato la loro auto e ha lanciato l’allarme.

Ormai senza vita, dopo un volo di oltre 300 metri, Giovanni e Massimiliano sono stati individuati nel Vallone dei Ginepri, in località Conca degli Invalidi, dopo un’intera notte di ricerche che ha coinvolto Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas), soccorso alpino della Forestale e della Guardia di Finanza, Vigili del fuoco e gli stessi Alpini. Da allora un susseguirsi di tentativi per recuperare i loro corpi, ma fino a oggi è risultato impossibile all’elicottero del 118 avvicinarsi alla zona per recuperare le salme.
Già sabato pomeriggio, viste le difficoltà, le squadre di soccorso avevano assicurato i due corpi in barelle ancorate al suolo ed erano mestamente tornate alla base allestita a Prati di Tivo dove sono sempre stati presenti il generale Massimo Panizzi, comandante della Brigata Taurinense, e il comandante del 9/o Reggimento dell’Aquila, colonnello Massimo Iacobucci. Ieri era stata messa in sicurezza con la corda la Ferrata Brizio, nell’ipotesi estrema di dover trasferire i corpi via terra. E nel frattempo questa notte circa mezzo metro di neve si è accumulato sulla zona.

"Quei ragazzi, noi soccorritori, non li avremmo voluti lasciare neanche la prima notte al buio e al freddo lassù - aveva detto sabato pomeriggio Gianluca Facchetti, medico del Cnsas che ha accertato il decesso dei due giovani – E' terribile averli trovati e poi rendersi conto di non poterli recuperare subito. Fa male". Le salme, ricomposte nel presidio della Forestale a Prati di Tivo e riconosciute dal comandante del 9/o Reggimento Iacobucci, sono state trasportate all’obitorio dell’Aquila. La camera ardente è stata allestita nella Caserma Pasquali dell’Aquila.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400