Sabato 19 Gennaio 2019 | 19:17

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Ex prof accusata di truffa Stralciati i reati fiscali

BARI – Il gup del Tribunale di Bari Sergio Di Paola ha stralciato le accuse relative ai reati fiscali contestati all’ex docente dell’Università di Bari Caterina Coco, trasmettendo gli atti alla Procura perchè in 120 giorni quantifichi la presunta evasione per ciascun anno d’imposta dal 2007 al 2011. La richiesta è stata fatta durante l’udienza preliminare dalla difesa dell’imputata, l’avvocato Andrea Di Comite
Ex prof accusata di truffa Stralciati i reati fiscali
BARI – Il gup del Tribunale di Bari Sergio Di Paola ha stralciato le accuse relative ai reati fiscali contestati all’ex docente dell’Università di Bari Caterina Coco, trasmettendo gli atti alla Procura perchè in 120 giorni quantifichi la presunta evasione per ciascun anno d’imposta dal 2007 al 2011. La richiesta è stata fatta durante l’udienza preliminare dalla difesa dell’imputata, l’avvocato Andrea Di Comite.
Il pm che ha coordinato le indagini, Giuseppe Dentamaro, ha quantificato in complessivi 1,2 milioni di euro l’imposta evasa, senza specificare l’ammontare di ciascun anno.

I primi reati fiscali, contestati su redditi non dichiarati relativi alle somme ottenute dai risparmiatori, risalgono al 2007 e si prescriveranno nel 2016. Lo stralcio si è reso necessario per la volontà dell’imputata di patteggiare la pena. Sui reati fiscali, infatti, questo non è possibile senza prima risarcire l’Agenzia delle Entrate. Della questione si discuterà nell’udienza del prossimo 25 marzo. Il gup ha invece rinviato l’udienza al 26 gennaio per le altre contestazioni, relative a decine di presunte truffe ai danni di risparmiatori.

La professoressa Coco, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe intascato milioni di euro con la promessa di investimenti redditizi in falsi titoli bancari, spacciandosi per promotore finanziario senza averne l’abilitazione. Per i reati di truffa aggravata per oltre 5 milioni di euro, falso ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria, la docente ha chiesto il patteggiamento. Nell’ambito di questa indagine la professoressa Coco è stata arrestata nel marzo 2013 e rimessa in libertà dopo 20 giorni di carcere e due mesi di domiciliari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400