Giovedì 24 Gennaio 2019 | 10:28

NEWS DALLA SEZIONE

Nessun feritoq
Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

 
Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 

Estetista uccisa a Mola la Regione Puglia parte civile al processo

BARI – Per la prima volta la Regione Puglia chiede di costituirsi parte civile in un processo per femminicidio. Nella prima udienza dinanzi alla Corte di Assise di Bari per l’omicidio della 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari, la Regione ha chiesto, insieme con i familiari della vittima e due associazioni antiviolenza, di costituirsi parte civile nei confronti dell’imputato, il 35enne Antonio Colamonico, ex amante della vittima
Estetista uccisa a Mola la Regione Puglia parte civile al processo
BARI – Per la prima volta la Regione Puglia chiede di costituirsi parte civile in un processo per femminicidio. Nella prima udienza dinanzi alla Corte di Assise di Bari per l’omicidio della 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari, la Regione ha chiesto, insieme con i familiari della vittima e due associazioni antiviolenza, di costituirsi parte civile nei confronti dell’imputato, il 35enne Antonio Colamonico, ex amante della vittima. La Regione lo ha fatto sulla base della legge approvata nel luglio scorso sulla violenza di genere che, in uno degli articoli, stabilisce esplicitamente "la facoltà di costituirsi parte civile nei procedimenti penali per femminicidio e atti di violenza nei confronti delle donne e dei minori".

Alla richiesta si sono opposti i difensori dell’imputato, gli avvocati Massimo Roberto Chiusolo e Francesco Saponaro, che hanno chiesto anche di escludere dalle parti civili le associazioni Giraffa Onlus e Safiya Onlus, associandosi all’eccezione fatta dal procuratore aggiunto Lino Giorgio Bruno e dal pm Antonino Lupo.

Nessuna eccezione preliminare sulla costituzione dei genitori della vittima e dell’ex compagno in qualità di tutore della figlia di 2 anni. La Corte si è riservata di decidere nella prossima udienza del 13 gennaio.

A margine del processo la mamma della vittima, Lilian Baldo, ha detto di aver incrociato lo sguardo di Colamonico che ha assistito all’udienza dalla cella dell’aula, perchè è detenuto per il delitto dal 9 aprile scorso. "Mi ha fatto l’occhiolino dalla cella. Ha avuto anche questo coraggio – ha detto – Spero che finisca tutto il più presto possibile perchè è una sofferenza atroce".

Stando alla ricostruzione fatta dagli inquirenti, il corpo della 29enne fu trovato carbonizzato dopo essere stato colpito prima al capo e al volto e successivamente, con un paio di forbici, alla nuca, al collo e al torace, e infine la donna venne strangolata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400