Sabato 19 Gennaio 2019 | 03:01

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Assolto dopo 23 anni chiede il risarcimento per ingiusta detenzione

BARI – E' stato assolto dopo 23 anni dall’arresto e ora chiede che gli venga riconosciuto un risarcimento per sei mesi di ingiusta detenzione subiti pari a 516 mila euro. Il pregiudicato barese Pasquale Capriati, 54 anni, parente del boss di 'Bari Vecchià Antonio, fu arrestato il 25 novembre 1990 per tentata rapina, tentato omicidio, porto e detenzione di armi per fatti risalenti a 10 giorni prima
Assolto dopo 23 anni chiede il risarcimento per ingiusta detenzione
BARI – E' stato assolto dopo 23 anni dall’arresto e ora chiede che gli venga riconosciuto un risarcimento per sei mesi di ingiusta detenzione subiti pari a 516 mila euro. Il pregiudicato barese Pasquale Capriati, 54 anni, parente del boss di 'Bari Vecchià Antonio, fu arrestato il 25 novembre 1990 per tentata rapina, tentato omicidio, porto e detenzione di armi per fatti risalenti a 10 giorni prima.

Sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, in prossimità dello svincolo di Palmi, tre delinquenti a bordo di un’auto, dopo avere affiancato un autoarticolato proveniente dalla Sicilia, tentarono di rapinare il conducente del mezzo pesante inducendolo a fermarsi sotto la minaccia di un’arma da fuoco. Ne nacque un inseguimento e numerosi colpi di pistola furono sparati contro il tir, il cui conducente che riuscì a sottrarsi all’agguato. Tra i responsabili del colpo fu individuato il barese Pasquale Capriati, all’epoca 30enne. È rimasto in carcere fino al 30 marzo 1991 e poi ai domiciliari per altri due mesi.

Il processo è cominciato nel 1994. L’uomo ha affrontato sei processi. Condannato in primo grado a 8 anni di reclusione e poi sottoposto ad un nuovo giudizio di primo grado perchè la Corte di Appello annullò la prima sentenza del Tribunale di Palmi. Seconda condanna a 6 anni confermata in secondo grado. Sentenza annullata con rinvio dalla Cassazione e nuovo processo di secondo grado conclusosi nel 2011 con un’assoluzione piena, divenuta irrevocabile nel febbraio 2013. Capriati, oggi attore e autore di canzoni neomelodiche con il nome d’arte di Lino Prati, attende l’udienza dinanzi alla Corte di Appello di Messina, fissata per il 18 marzo 2015, in cui si discuterà l’istanza di riparazione per ingiusta detenzione avanzata dal difensore, l'avvocato Massimo Roberto Chiusolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400