Sabato 19 Gennaio 2019 | 23:48

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Giustizia troppo «rapida» giudice annulla richiesta rinvio a giudizio boss Parisi

BARI – La Procura di Bari ha chiesto troppo presto, anticipando i termini previsti, il rinvio a giudizio di Savinuccio Parisi, boss del quartiere Japigia, e della sua figliastra. Così i difensori del boss hanno ottenuto dal gup dinanzi al quale doveva iniziare l’udienza preliminare, l'annullamento della richiesta di rinvio a giudizio. Gli atti sono quindi tornati alla Procura perchè riformuli la richiesta nei termini prescritti
Giustizia troppo «rapida» giudice annulla richiesta rinvio a giudizio boss Parisi
BARI – La Procura di Bari ha chiesto troppo presto, anticipando i termini previsti, il rinvio a giudizio di Savinuccio Parisi, boss del quartiere Japigia, e della sua figliastra. Così i difensori del boss, gli avvocati Raffaele Quarta e Rubio Di Ronzo, hanno ottenuto dal gup dinanzi al quale doveva iniziare l’udienza preliminare, Annachiara Mastrorilli, l'annullamento della richiesta di rinvio a giudizio. Gli atti sono quindi tornati alla Procura perchè riformuli la richiesta nei termini prescritti.

Dopo la chiusura indagini, infatti, il pm titolare del fascicolo, Federico Perrone Capano, non avrebbe considerato, oltre ai 20 giorni previsti, gli ulteriori 45 giorni di sospensione feriale. Secondo una sentenza della Cassazione, richiamata dai legali di Savinuccio, la sospensione non viene calcolata solo in caso di reati associativi di criminalità organizzata. I termini, quindi, scadevano il 4 ottobre ma la Procura ha chiesto il processo il 18 settembre, senza dare il tempo alla difesa di depositare memorie o chiedere interrogatorio.

I fatti contestati risalgono agli anni 2007-2008 e si riferiscono a due presunte estorsioni aggravate dal metodo mafioso e dall’aver commesso i reati mentre Savino Parisi era sottoposto alla sorveglianza speciale. Le accuse si fondano sulle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Il boss - ha raccontato il pentito agli inquirenti – avrebbe costretto gli amministratori di una società di servizi a pagare in contanti una somma di 700mila euro, minacciando, in caso contrario, ritorsioni personali e patrimoniali. Il collaboratore raccontava anche di essere stato costretto ad assumere la figliastra del boss pagandole uno stipendio di 900 euro al mese per quasi un anno, a fronte di una prestazione lavorativa di fatto inesistente. Per queste vicende Savinuccio è detenuto dal dicembre 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400