Sabato 19 Gennaio 2019 | 17:27

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 

Ucciso per uno schiaffo 20 anni ai tre killer Brindisi, bruciò vivo l'amante condanna confermata

BARI – Il gup del Tribunale di Bari Alessandra Piliego ha condannato a 20 anni di reclusione i tre presunti killer del 34enne Cosimo Damiano Fraddosio, ucciso con cinque colpi di pistola alla nuca nell’autorimessa di famiglia (nella foto) al quartiere San Paolo di Bari il 30 ottobre 2009. Il movente del delitto: uno schiaffo
Ucciso per uno schiaffo 20 anni ai tre killer Brindisi, bruciò vivo l'amante condanna confermata
BARI – Il gup del Tribunale di Bari Alessandra Piliego ha condannato a 20 anni di reclusione i tre presunti killer del 34enne Cosimo Damiano Fraddosio, ucciso con cinque colpi di pistola alla nuca nell’autorimessa di famiglia al quartiere San Paolo di Bari il 30 ottobre 2009. Le condanne nei confronti di Giuseppe Misceo, 50enne ritenuto a capo dell’omonimo clan, Matteo Minella di 46 anni e Giuseppe Amoruso di 30, sono state emesse al termine del processo celebrato con rito abbreviato.

Per i tre imputati il pm antimafia Patrizia Rautiis aveva chiesto condanne a 18 anni di reclusione, inferiori a quelle decise dal giudice che non ha riconosciuto le aggravanti della premeditazione, dei futili motivi e del metodo mafioso. Il giudice ha inoltre assolto Misceo e Minella dal reato di tentato omicidio nei confronti del padre della vittima, Giuseppe Fraddosio, rimasto ferito durante l’agguato.

Stando alle indagini della Squadra Mobile di Bari, coordinate dalla Dda, Fraddosio sarebbe stato ammazzato per vendicare uno schiaffo dato a Michele Minella, fratello di Matteo e genero del boss Misceo. Il delitto sarebbe stato commissionato dal boss e materialmente eseguito da Amoruso. I tre imputati sono detenuti per questi fatti dal gennaio 2014. Agli atti del processo ci sono anche le dichiarazioni della moglie di Amoruso, che collaborato con le indagini, che ha raccontato agli inquirenti le fasi successive al delitto, dalle operazioni per ripulire gli abiti e disfarsi dell’arma, al lavaggio del killer con l’urina di tre bambini per cancellare le tracce di polvere da sparo. (foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400