Domenica 20 Gennaio 2019 | 11:57

NEWS DALLA SEZIONE

Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

L'ad di Enel al Senato «La centrale di Bari non è più sostenibile»

ROMA – Le centrali Enel di Genova, Bari e Livorno "non sono più pensabili come siti produttivi, perchè si trovano dentro agglomerati urbani, quindi non c'è possibilità di riconversione a nessuna tecnologia: faremo quindi partire processi di dialogo con il territorio". Lo ha annunciato l’ad Francesco Starace nel corso di un’audizione alla commissione Industria del Senato, entrando nel merito dei progetti sulle 23 centrali su cui devono essere prese decisioni perchè non più sostenibili dalla società
L'ad di Enel al Senato «La centrale di Bari non è più sostenibile»
ROMA – Le centrali Enel di Genova, Bari e Livorno "non sono più pensabili come siti produttivi, perchè si trovano dentro agglomerati urbani, quindi non c'è possibilità di riconversione a nessuna tecnologia: faremo quindi partire processi di dialogo con il territorio". Lo ha annunciato l’ad Francesco Starace nel corso di un’audizione alla commissione Industria del Senato, entrando nel merito dei progetti sulle 23 centrali su cui devono essere prese decisioni perchè non più sostenibili dalla società.

Starace ha ricordato che "non c'è una strategia unica per tutte e 23 le centrali", che vengono divise in tre grandi gruppi: i siti in cui la produzione può andare avanti con una tecnologia diversa, quelli che non sono più pensabili come siti produttivi perchè dentro agglomerati urbani (appunto Genova, Bari e Livorno) e infine i siti produttivi non all’interno di città ma che non hanno probabilità alta di continuare a produrre e su cui, ha detto Starace, "faremo partire concorsi di idee per vedere cosa si può fare creando occupazione al di là della produzione di elettricità, sfuggendo quindi al nostro oggetto sociale". In quest’ultimo caso, comunque, l’Enel potrebbe anche defilarsi, perchè "non abbiamo l'arroganza di gestire tutto noi solo perchè si tratta di siti antichi dell’Enel". A titolo di esempio, l’ad ha osservato che "c'è una grande ricerca di siti adatti a costruire data center: le centrali elettriche sono tipicamente buone per i data center". Comunque, ha concluso, "faremo comunicazioni molto specifiche sito per sito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400