Giovedì 22 Agosto 2019 | 15:40

NEWS DALLA SEZIONE

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
Operazione dei Cc
Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

 
L'inchiesta
Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

 
L'allarme
Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

 
Trasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
Nel centro storico
Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

 
Aperto il fascicolo
Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

 
Lavori antichi
Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

 
La testimonianza
Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
Bari
Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
TarantoUn 46enne
Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

 
BatLa curiosità
Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Dottorato al figlio di Procacci Minervini: si deve dimettere Ma Procacci si autosospende Introna: Puglia trascurata dai candidati alle primarie

BARI - «Pronti a sospenderci dal Pd se Procacci non rimetterà il suo incarico e se Emiliano, da segretario regionale, non sia lì a pretendere le sue dimissioni da coordinatore della segreteria». L'assessore regionale  e candidato alle primarie Guglielmo Minervini, va giù duro a seguito   dell'inchiesta sugli scandali che riguardano i concorsi all'Università di Bari, in particolare sul dottorato all figlio dell'ex senatore. E Procacci, nel pomeriggio, si è autosospeso rimettendo ogni decisione al partito dopo le primarie. «Impensabile strumentalizzare vicenda del 2009 che non mi coinvolge affatto (Procacci e il figlio non sono indagati). Sciacallaggio di Minervini su di me: perchè non chiede dimissioni di assessori indagati?»
Dottorato al figlio di Procacci Minervini: si deve dimettere Ma Procacci si autosospende Introna: Puglia trascurata dai candidati alle primarie
BARI – "Pronti a sospenderci dal Pd se Procacci non rimetterà il suo incarico e se Michele Emiliano, da segretario regionale, non sia lì a pretendere le sue dimissioni da coordinatore della segreteria". Lo afferma, a proposito del coordinatore della segreteria del Pd pugliese, Giovanni Procacci, questa mattina con una lunga nota su Fb l’assessore regionale e candidato alle primarie Guglielmo Minervini (Pd), a seguito dell’inchiesta sugli scandali che riguardano i concorsi all’Università di Bari. I nomi di Procacci, padre e figlio, - secondo quanto si è appreso da fonti giudiziarie – non risultano nell’elenco degli indagati, pur essendo menzionati in una intercettazione telefonica.  "E' evidente – aggiunge – che il fesso sono io. Dieci anni assessore regionale, nientepopodimeno, e una figlia a Milano ancora a sbattersi in giro, con tutte le sue energie, per cercare uno stage non retribuito, dopo un lavoro precario in condizioni da sfruttamento".

"In fondo, come ci ricorda Procacci, se sei un 'politicò di punta basta una telefonata all’amico barone, et voilà, dottorato vinto per tuo figlio, primo passo – continua Minervini – di una carriera luminosa spianata in forza di un cognome che sfonda i traguardi come un ariete. Con buona pace di chi quel posto lo meritava davvero, ma essendo privo del supporto di una buona famiglia, si è visto sorpassato a destra: gli auguriamo, davvero di cuore, migliore successo. Quelle intercettazioni tra l’accademico e il coordinatore della segreteria regionale del PD, l’uomo più vicino di Michele Emiliano (anche lui in corsa nelle primarie del centrosinistra alla presidenza della Regione Puglia,ndr), sono una ferita profonda". "Ovviamente – aggiunge – non ci interessa il rilievo penale della vicenda ma esclusivamente i due nodi politici che solleva. Il primo riguarda la credibilità di una classe dirigente", il secondo riguarda il nepotismo e il clientelismo che "sono il male oscuro del paese".

Sempre su Fb la replica di Procacci: "Caro Guglielmo, non pensavo che arrivassi a tanto, strumentalizzando una vicenda - afferma – che non mi vede minimamente coinvolto E» possibile che un figlio di persona nota sia capace e meritevole? O per forza i suoi traguardi sono dovuti all’influenza dei genitori? Anche un altro mio figlio sta facendo concorsi e andrà lontano, come è già avvenuto in passato". "Non ricopro ruoli istituzionali, e nel partito coordino la segreteria. Non esiterei un attimo a dimettermi se questo non dimostrasse una mia qualche colpevolezza. Hai scritto la tua nota – aggiunge Procacci – dimenticando che la mia vita pubblica è stata sempre esemplare. Non sono mai stato sfiorato da nessuna ombra e tu conosci bene la mia onestà e la mia correttezza".

E L'EX SENATORE SI AUTOSOSPENDE

Il senatore del Pd Giovanni Procacci si è autosospeso dal ruolo di coordinatore regionale del partito "rimettendo la questione alla direzione regionale dopo le primarie", in relazione alle accuse mossegli dall’assessore regionale e candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Puglia Guglielmo Minervini (Pd). Era stato quest’ultimo a chiedere ufficialmente che Procacci si dimettesse. I nomi di Procacci, padre e figlio, compaiono - ma senza che siano indagati, secondo fonti giudiziarie – in una intercettazione dell’inchiesta della procura di Bari su presunti favori nell’assunzione di docenti universitari.

"Era per me impensabile – sostiene Procacci nella nota in cui comunica la decisione di dimettersi – che un amico con cui ho condiviso tante cose potesse strumentalizzare una vicenda del 2009 che non mi vede minimamente coinvolto nè sul piano giudiziario nè su altri piani attinenti le questioni dell’Università. Non ricopro ruoli istituzionali e il mio unico impegno, di mero volontariato, è quello di coordinare la segreteria regionale. Tuttavia – aggiunge – non posso neanche consentire che si strumentalizzi la mia persona per colpire obiettivi politici in vista delle primarie".

Nella seconda parte della nota Procacci attacca il suo accusatore. "Minervini – dichiara il senatore – dovrà trovare altri argomenti per proseguire la sua campagna elettorale. Il tentativo di sciacallaggio di Minervini nei miei confronti ha un riscontro oggettivo: come mai Guglielmo non chiede le dimissioni di suoi colleghi di giunta che sono indagati e che - sinceramente spero di no! – potranno essere rinviati a giudizio? Le chiede a me, che non sono nemmeno indagato, solo perchè ho la colpa di sostenere Emiliano: una ferocia d’animo che non distingue più il piano della politica da quello dell’odio e del rancore personale". Procacci sostiene quindi che Minervini non avrebbe agito allo stesso modo se non ci fossero state le primarie e lo stesso senatore non avesse sostenuto Emiliano nella corsa alla candidatura per il centrosinistra alla presidenza della Regione Puglia". "Nè si è preoccupato di acclarare la verità – conclude Procacci riferendosi all’assessore – semplicemente non ha resistito alla ghiotta occasione di poter colpire attraverso di me il suo avversario, incurante delle ferite morali e psicologiche che avrebbe inferto a me ed alla mia famiglia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie