Venerdì 18 Gennaio 2019 | 06:06

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 

Riapre museo archeologico al bastione di Santa Scolastica

BARI – Ha inizio nel 1875 la storia del Museo archeologico di Bari che domani, venerdì 31 ottobre 2014, alle ore 11.30 vedrà scritta una nuova pagina: aprirà infatti ufficialmente al pubblico il bastione di Santa Scolastica, primo nucleo del nuovo Museo archeologico provinciale del capoluogo pugliese
Riapre museo archeologico al bastione di Santa Scolastica
BARI – Ha inizio nel 1875 la storia del Museo archeologico di Bari che domani, venerdì 31 ottobre 2014, alle ore 11.30 vedrà scritta una nuova pagina: aprirà infatti ufficialmente al pubblico il bastione di Santa Scolastica, primo nucleo del nuovo Museo archeologico provinciale del capoluogo pugliese. Per l’occasione saranno esposti dopo vent'anni, alcuni dei più significativi reperti archeologici e resa fruibile anche l'area archeologica di San Pietro, in particolare, saranno visibili sei pezzi, tre elmi corinzi del V sec. a.C. e tre vasi in ceramica risalenti al VI sec. a.C..

La storia del Museo archeologico ha inizio, nel 1875, quando, per iniziativa della Deputazione provinciale della Terra di Bari, si decise l’istituzione del Museo e che la sede appropriata fosse nel Palazzo Ateneo. Furono affrescate le volte del grande salone riprendendo le decorazioni dei vasi e dalle monete antiche. La Sovrintendenza resse la struttura fino al 1994 quando il museo fu chiuso, con decreto ministeriale, per ragioni di sicurezza. I lavori si protrassero per anni e infine la Sovrintendenza decise il trasferimento dei reperti a Santa Scolastica, sollecitata anche dall’Università che voleva riavere i soloni dove era allocato il Museo. Quindi l’Università concordò con la Provincia lo scambio di sedi.

La Provincia decise di gestire la struttura al posto della Soprintendenza e bandì anche un concorso di restauro del vecchio monastero. I reperti, inventariati e calcolati oltre 17mila, sono stati dal 2001 imballati e accatastati negli scantinati di Santa Scolastica. Qui, nel 2004, ci fu un furto e furono rubati un centinaio di pezzi (vasi, gioielli, statuette) che erano stati poco tempo prima selezionati per preparare una mostra. Per l’inaugurazione, domani è prevista un’apertura straordinaria dalla mattina fino a mezzanotte.
Dal giorno dopo sarà possibile visitare il bastione di Santa Scolastica nei giorni feriali dalle 10.00 alle 17.00 e nei festivi dalle 10.00 alle 13.00. L'apertura del primo nucleo del museo era stata prevista per il giugno 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400