Sabato 19 Gennaio 2019 | 04:05

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Dopo mesi di blocco riprende sminamento nel porto di Molfetta

MOLFETTA (BARI) – Dopo circa sei mesi dal blocco degli interventi, riprenderanno il 27 ottobre prossimo i lavori di sminamento delle acque antistanti il porto di Molfetta (Bari) nella quali vi sono migliaia di ordigni inesplosi risalenti alla Seconda Guerra mondiale. Le operazioni erano state interrotte lo scorso aprile dopo che la Regione Puglia, per i limiti imposti dal patto di Stabilità, aveva bloccato il versamento dei fondi
Dopo mesi di blocco riprende sminamento nel porto di Molfetta
MOLFETTA (BARI) – Dopo circa sei mesi dal blocco degli interventi, riprenderanno il 27 ottobre prossimo i lavori di sminamento delle acque antistanti il porto di Molfetta (Bari) nella quali vi sono migliaia di ordigni inesplosi risalenti alla Seconda Guerra mondiale. Le operazioni erano state interrotte lo scorso aprile dopo che la Regione Puglia, per i limiti imposti dal patto di Stabilità, aveva bloccato il versamento dei fondi per gli interventi, circa 3,5 milioni di euro messi a disposizione dallo Stato.

L’area interessata era stata messa sotto sequestro dalla procura di Trani nell’inchiesta sulla costruzione del nuovo porto di Molfetta, nella quale sono indagate 62 persone, tra cui l'ex sindaco Antonio Azzollini (Ncd), ora presidente della commissione Bilancio del Senato, per una presunta frode da 150 milioni di euro legata alla mancata ricostruzione dello scalo.

Personale del nucleo Sdai della Marina militare di Taranto, dal 27 al 31 ottobre prossimi – informa una nota della Capitaneria di Porto di Molfetta – recupererà le bombe d’aereo incendiarie sulla diga antemurale 'Achille Salvuccì del porto della città. Gli ordigni verranno poi fatti brillare in una cava dal personale dell’undicesimo reggimento Guastatori di Foggia. In quei giorni – è detto nella nota – sarà vietato effettuare immersioni subacquee per un raggio di 1000 metri dal porto e i mezzi navali e terrestri non potranno transitare, sostare o effettuare ancoraggi per un raggio di 300 metri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400