Domenica 26 Maggio 2019 | 07:48

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
Verso il voto
Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

 
Verso il voto
Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

 
A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 
Nel barese
Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

 
Guerra fra clan
Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

 
L’inchiesta
Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Rapinano un panificio incastrati da tatuaggio

MOLFETTA - Uno dei malviventi è stato immoratalto dalle telecamere di un esercizio commerciale ed è stato identificato grazie a un tatuaggio che aveva sul collo. Poi è satto catturato anche il complice
Rapinano un panificio incastrati da tatuaggio
MOLFETTA - Pistola in pugno e travisati con una maschera e da cappuccio hanno fatto irruzione in un panificio in pieno centro a Molfetta facendosi consegnare l’incasso pari a 100 euro. Traditi da un tatuaggio raffigurante una lucertola che uno dei due portava sulla parte destra del collo, sono stati identificati e tratti in arresto. Si tratta di un 28enne e di un 22enne del luogo, già noti, arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta con l’accusa di rapina.

Immediatamente, grazie ad una telefonata fatta da alcuni passanti al numero di emergenza “112” che segnalava un “colpo” in atto all’interno di un panificio, è scattato il piano antirapina che ha consentito ai Carabinieri, grazie al contributo delle immagini riprese dalle telecamere di sicurezza dell’ esercizio commerciale, di identificare inizialmente uno dei due rapinatori, grazie ad un tatuaggio raffigurante una lucertola che portava sul lato destro del collo, e successivamente anche il complice.

Le successive perquisizioni domiciliari hanno consentito ai carabinieri di rinvenire e sottoporre a sequestro una pistola modificata priva di tappo rosso, gli indumenti indossati dai due per commettere il colpo e l’intera refurtiva, restituita all’avente diritto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400