Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 22:46

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 

Padre di neonata aggredisce medici al Policlinico di Bari «Io, medico picchiato da coppia per certificati falsi»

BARI – Tre medici del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari, tra cui il primario Nicola Laforgia, sono stati aggrediti dal padre di una bambina nata lì 8 mesi fa. L’episodio, denunciato al locale posto di polizia, è avvenuto ieri mattina. L’uomo, un 41enne barese, avrebbe chiesto ai medici spiegazioni in merito ad un intervento chirurgico al quale la figlia era stata sottoposta alcuni giorni dopo la nascita, accusandoli di aver manomesso la cartella clinica
Padre di neonata aggredisce medici al Policlinico di Bari «Io, medico picchiato da coppia per certificati falsi»
BARI – Tre medici del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari, tra cui il primario Nicola Laforgia, sono stati aggrediti dal padre di una bambina nata lì 8 mesi fa. L’episodio, denunciato al locale posto di polizia, è avvenuto ieri mattina. L’uomo, un 41enne barese, avrebbe chiesto ai medici spiegazioni in merito ad un intervento chirurgico al quale la figlia era stata sottoposta alcuni giorni dopo la nascita, accusandoli di aver manomesso la cartella clinica per giustificare la mancata diagnosi immediata di una malformazione cardiaca congenita.

La piccola presentava un restringimento dell’aorta che non sempre è possibile diagnosticare nei primi giorni di vita. Difficoltà respiratorie avevano spinto i genitori a rivolgersi ai sanitari dopo circa una settimana. Diagnosticata quindi la malformazione cardiaca, la bimba è stata trasferita al pediatrico Giovanni XXIII e operata con successo. Dopo otto mesi, ieri il padre è tornato al Policlinico aggredendo prima verbalmente, e poi con spintoni, i medici che l'avevano avuta in cura nei primi giorni di vita.

«Se ti prendo fuori da qua ti spacco la faccia» avrebbe urlato al primario alla presenza di altri medici, infermieri e genitori dei piccoli pazienti. «Nella nostra unità operativa – spiega Laforgia nella denuncia – curiamo circa 2000 neonati l’anno e spesso dobbiamo affrontare problematiche complicate, ma mai in passato è accaduto un fatto di tale inaudita violenza, peraltro da parte di un genitore la cui figlia è stata salvata da morte certa in assenza di qualunque sospetto diagnostici pre o neonatale».

Dell’accaduto è stato informato il direttore generale del Policlinico, Vitangelo Dattoli, che ha assicurato «massimo impegno a tutela della sicurezza degli operatori sanitari», perchè «registriamo che non infrequentemente medici e infermieri sono sottoposti a stress fisici e psicologici che bisogna reprimere e denunciare». Dattoli ha poi ricordato che «abbiamo calcolato circa 18mila presenze quotidiane nelle ore di punta nel Policlinico, un intero paese, e abbiamo da tempo predisposto un sistema di sicurezza con custodi notturni nei reparti più a rischio, ronde di vigilanti armati h24 e telecamere di video-sorveglianza che saranno presto potenziate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400