Venerdì 24 Maggio 2019 | 03:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Di Monopoli
Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

 
L'intervista
«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

 
Il naufragio
Naufragio Norman Atlantic: permanenza del relitto ha danneggiato porto Bari

Norman Atlantic, gup dice no a nuovo sequestro. Autorità: danni al porto

 
Ambiente
Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

 
sud-est barese
Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

 
L'operazione
Assalto in banca a Bari: polizia arresta 7 persone tra la Puglia, Roma e Napoli

Assaltarono bancomat e portavalori a Bari: 7 arresti tra Puglia, Roma e Napoli

 
La guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Mafia, errore materiale e nuovi reati: a Bari processi da rifare

 BARI – Tutto da rifare nei due processi ai presunti riciclatori del clan mafioso Capriati di Bari, egemone negli anni '90 nel borgo antico e il alcuni altri rioni del capoluogo pugliese. Arrestati nel maggio 2013 e processati a partire dalla scorsa primavera (11 con rito ordinario e altri 3 in abbreviato), alcuni imputati torneranno in udienza preliminare, per la nullità del decreto che dispone il giudizio, altri saranno nuovamente al vaglio della Procura perchè il pm riqualifichi i reati contestati.
Mafia, errore materiale e nuovi reati: a Bari processi da rifare
 BARI – Tutto da rifare nei due processi ai presunti riciclatori del clan mafioso Capriati di Bari, egemone negli anni '90 nel borgo antico e il alcuni altri rioni del capoluogo pugliese. Arrestati nel maggio 2013 e processati a partire dalla scorsa primavera (11 con rito ordinario e altri 3 in abbreviato), alcuni imputati torneranno in udienza preliminare, per la nullità del decreto che dispone il giudizio, altri saranno nuovamente al vaglio della Procura perchè il pm riqualifichi i reati contestati.

Ai 14 imputati il pm della Dda, Carmelo Rizzo, contestava i reati di riciclaggio, impiego di capitali illeciti in attività economiche e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di aver cioè favorito un’associazione mafiosa. Secondo le indagini, i 14 riciclavano il denaro sporco dell’organizzazione criminale della città vecchia in attività commerciali, immobili e anche in un ristorante del centro storico. Presunto capo, secondo l'accusa, era Francesco Quarto, per quattro mesi detenuto nel carcere di Lecce e per altri 7 mesi ai domiciliari. L’uomo sarebbe l’ex autista del boss barese Antonio Capriati, con condanne passate in giudicato per associazione mafiosa e sarebbe, secondo gli inquirenti, il cassiere del clan.
Per la Procura di Bari, gli indagati sono gli intestatari di beni riconducibili a persone vicine al boss, favorendo il riciclaggio dei proventi delle attività illecite. In udienza preliminare, nel novembre 2013, tre imputati, tra cui Quarto, scelsero il rito abbreviato. Per tutti gli altri il gup dispose il rinvio a giudizio dinanzi alla seconda sezione collegiale. I due processi sono iniziati nella scorsa primavera.

In quello con rito ordinario è stato dichiarato nullo – per un errore materiale – il decreto che dispone il giudizio e, dopo quasi un anno, gli atti sono tornati al gup, quindi in udienza preliminare. Nel processo con rito abbreviato che si è celebrato questa mattina, il giudice su richiesta del pm ha disposto la restituzione degli atti alla Procura perchè riqualifichi i reati. “Siamo amareggiati – commenta l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo, difensore di Quarto – perchè dopo un anno di custodia cautelare e a processo già avviato, il mio assistito aspetta ancora di essere giudicato”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400