Sabato 19 Gennaio 2019 | 19:47

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Ragazzina «esca» per estorsione condannati 3 romeni

BARI - Sono accusati di aver «usato» una connazionale minorenne per estorcere denaro ad un italiano affidatario della ragazza. I fatti di riferiscono al luglio 2013. I tre avrebbero preteso circa 3mila euro dal 45enne che aveva in affidamento la minore con la minaccia di non fargliela più incontrare.
Ragazzina «esca» per estorsione condannati 3 romeni
BARI – Il gup del Tribunale di Bari Marco Galesi ha condannato a pene comprese fra 4 anni e 3 anni e 2 mesi di reclusione tre cittadini rumeni accusati di aver «usato» una connazionale minorenne per estorcere denaro ad un italiano affidatario della ragazza. I fatti di riferiscono al luglio 2013. I tre avrebbero preteso circa 3mila euro dal 45enne che aveva in affidamento la minore con la minaccia di non fargliela più incontrare.

L'uomo, hanno ricostruito gli inquirenti, aveva conosciuto la famiglia della ragazza durante un lungo soggiorno in Romania. Nel giugno 2013 aveva deciso di portarla in Italia in accordo con la famiglia di origine. Qui, però, alcuni connazionali rumeni residenti a Bari, i tre imputati, avrebbero «ospitato» la ragazza in casa propria. Avrebbero così iniziato a chiedere denaro all’affidatario minacciandolo che non avrebbe più rivisto la ragazza qualora non avesse pagato.

La vittima ha denunciato tutto ai Carabinieri che in pochi giorni hanno rintracciato la minore affidandola prima ad una comunità e poi consentendole di rientrare nel paese di origine. Due dei tre presunti aguzzini sono stati arrestati nel dicembre 2013, il terzo è stato estradato dalla Romania alcune settimane fa.

Il gup, al termine di un processo con rito abbreviato, ha condannato il 22enne Tiberiu Nicolae Lazar a 4 anni di reclusione, il 36enne Petru Pandele a 3 anni e 8 mesi, entrambi difesi dall’avvocato Eustachio Claudio Solazzo, e il 28enne Robert Gabriel Asan, difeso dall’avvocato Fabio Schino, a 3 anni e 2 mesi di reclusione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400