Giovedì 17 Gennaio 2019 | 22:01

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Rifiuti, è guerra a Bari tra l’Amiu e i ristoratori

di ANTONELLA FANIZZI
BARI - «Il pugno di ferro non serve. Chiediamo che il Comune e l’Amiu ci dicano dover poter conferire a fine giornata i rifiuti. È impensabile ritenere che nei pub, nelle pizzerie e in tutti i locali ci possa essere un’ambiente nel quale conservare la frazione organica per tre giorni». I ristoratori non ci stanno a passare per sporcaccioni. Sta prendendo una brutta piega la faccenda delle multe ai danni degli esercenti
Rifiuti, è guerra a Bari tra l’Amiu e i ristoratori
di Antonella Fanizzi

BARI - «Il pugno di ferro non aiuta. Chiediamo piuttosto che il Comune e l’Amiu ci dicano dover poter conferire a fine giornata gli avanzi insieme agli scarti della lavorazione. È impensabile ritenere che nei pub, nelle pizzerie e in tutti i locali ci possa essere un’ambiente nel quale conservare la frazione organica per tre giorni». Dino Saulle, presidente provinciale della Fipe-Confcommercio, parla a nome dei 400 ristoratori di Bari iscritti all’associazione di categoria: «Non siamo sporcaccioni. Vogliamo il dialogo con l’amministrazione, ma la tolleranza zero non serve a niente e a nessuno».

Sta prendendo una brutta piega la faccenda delle multe ai danni degli esercenti dei locali: domenica scorsa non hanno rispettato il divieto di gettare l’immondizia nei cassoni dell’indifferenziata, e sono stati beccati con le mani nel sacco dagli ispettori ambientali dell’Amiu, sei ristoratori. I vigili urbani hanno invece sanzionato per il medesimo reato - quello di aver ignorato l’ordinanza del sindaco che vieta di buttare la spazzatura mista nei cassonetti bianchi dal sabato notte fino al lunedì alle 18.30 - pure 18 cittadini. L’azzardo è costato a tutti 100 euro a testa.

Stessa sorte è capitata nelle precedenti due domeniche ad altre 30 persone. Il provvedimento è stato adottato a seguito della chiusura della discarica di Trani, che fino a un mese fa è stato il sito di stoccaggio dell’Amiu, costretta ora a portare i rifiuti nel tarantino e nel brindisino.

I ristoratori non vogliono la guerra. Non la vuole, e sostiene di non farla, pure il presidente dell’Amiu Gianfranco Grandaliano. «È comunque un dato di fatto - commenta - che alcuni ristoratori facciano orecchie da mercante. Siamo passati nel Murattiano e a Madonnella fra il sabato e la domenica notte e i bidoni erano pieni di spazzatura gettata dai locali pubblici. Abbiamo aperto i bustoni e trovato intestazioni di confezioni, scontrini, ricevute, scarti di lavorazione. Le regole valgono per tutti. Chi fa il furbo viene punito».

La questione è finita al centro di una riunione della Confcommercio. Riferisce Saulle: «La nostra collaborazione è totale, così come avviene da sempre. Differenziamo i rifiuti come ci viene richiesto. Ma proprio il sabato e la domenica, le giornate di maggiore afflusso, si producono più scarti. Non possiamo tenere l’umido in casa. È una contraddizione: da una parte ci viene imposto di osservare le norme igieniche, dall’altra di conservare la spazzatura. Non abbiamo difficoltà a conferire la plastica, il vetro e la carta. Ma per la frazione organica è diverso. Gli alimenti attirano topi e insetti. Vogliamo lavorare in condizioni di sicurezza: la sanificazione degli ambienti è di nostra competenza, c’è però il rischio della contaminazione».

Al Comune e all’Amiu i ristoratori chiedono di aprire un tavolo di confronto. La soluzione potrebbe essere rappresentata, a loro dire, da una zona dove poter conferire l’immondizia il sabato e la domenica notte, in un’area ben delimitata, all’aperto oppure in un magazzino, anche in periferia.

Saulle spiega: «Un ristorante con 35 posti a sedere mediamente produce in una serata due bustoni di plastica e lattine e tre bustoni di umido. Non abbiamo spazi sufficienti per accatastare la seconda tipologia di spazzatura. Nessuno vuole inquinare le strade. Lo scempio e i cattivi odori allontanano i clienti. Vogliamo rispettare la legge, ma anche le nostre esigenze vanno tenute in considerazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400