Venerdì 18 Gennaio 2019 | 07:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 

Cronaca di normale degrado «Aiuto. Qui c’è un rudere» «Veramente sono quattro»

di DANIELA D’AMBROSIO
BARI - L’ennesimo rudere abbandonato sul lungomare di Santo Spirito chiede urgenti lavori di messa in sicurezza. Il ristorante «Il Galeone», chiuso da un anno e mezzo dopo la revoca della concessione demaniale. Il carteggio tra il Municipio cinque e la Capitaneria di porto. Intanto a Santo Spirito c’è già chi sogna che dalle ceneri del Galeone possa nascere un nuovo spazio estivo tutto da godere, con tanto di spiaggia pubblica e parcheggi
Cronaca di normale degrado «Aiuto. Qui c’è un rudere» «Veramente sono quattro»
di DANIELA D’AMBROSIO

BARI - L’ennesimo rudere abbandonato sul lungomare di Santo Spirito chiede urgenti lavori di messa in sicurezza. Il ristorante «Il Galeone», chiuso da un anno e mezzo dopo la revoca della concessione demaniale per il mancato pagamento delle tasse e semidistrutto da un incendio il 19 agosto scorso, rischia di seguire le sorti che già furono del ristorante «Da Tommaso», a Palese, e del «San Michele», sullo stesso lungomare di Santo Spirito, abbattuti dopo anni di incuria e abbandono e dopo essere diventati ricettacolo di sporcizia e rifugio di drogati e malavitosi. O rischia di diventare un altro monumento al degrado, andando a tenere compagnia all’Ostello della gioventù che da quasi vent’anni aspetta un qualsiasi genere di presa in considerazione e di soluzione, sempre promessa e mai arrivata.

Il 28 agosto la commissione Lavori pubblici del V Municipio mette a verbale lo stato della struttura: i sopralluoghi hanno rilevato un immobile pericolante, la facilità di accesso anche da parte di minori, la possibilità concreta di ogni genere di intrusioni e quindi di sciacallaggio o, peggio ancora, di incidenti. Il 10 settembre dal Municipio parte una richiesta di messa in sicurezza ai direttori delle ripartizioni Opere pubbliche e Sviluppo economico e Demanio del Comune e alla Capitaneria di porto sezione Demanio/Ambiente.
La Capitaneria risponde il 17 settembre, scrivendo per conoscenza anche a Prefettura, Questura, Gabinetto del Sindaco, alle ripartizioni già interessate dalla richiesta del Municipio e al Demanio marittimo regionale. Nella lettera prende atto delle dichiarazioni della commissione e «resta in attesa di conoscere i provvedimenti che verranno posti in essere per scongiurare eventuali situazioni di pericolo per la pubblica incolumità, considerato che in data 10 settembre personale dipendente ha constatato il perdurare della sitazione di degrado e pericolo a suo tempo rilevata».

Ma la Capitaneria non si ferma qui e rilancia: «Si coglie l’occasione per porre all’attenzione di codesto Ente l’inderogabile necessità di adottare anche eventuali ulteriori provvedimenti finalizzati a prevenire tali situazioni di degrado e abbandono, rilevati e segnalati in passato da questa Capitaneria per altri manufatti demaniali (peraltro acquisiti tra le pertinenze dello Stato) insistenti sul litorale Nord e Sud barese».
Si tratta dello Yacht club Bari, ex Mitiladriatica, abbandonato e non utilizzato da oltre cinque anni, della Grotta Regina di Torre a Mare e dello sciale «Dal Nonno» di San Giorgio, anche questi abbandonati da diversi anni. «In ragione della delega conferita per l’esercizio della funzione gestoria, del pubblico demanio marittimo, in capo a codesto Comune - conclude la lettera firmata dal comandante De Tullio - è auspicabile che codesta amministrazione attivi tutte le procedure amministrative utili per addivenire ad una assegnazione dei medesimi beni in tempi tali da non determinare ulteriori situazioni di degrado». Insomma una bella partita a poker: il Municipio punta un rudere, la Capitaneria risponde «uno più tre».

Il Comune ha una bella gatta da pelare anche perché non può esimersi dall’andare «a vedere». E per giunta entro tempi brevi. Intanto a Santo Spirito c’è già chi sogna che dalle ceneri del Galeone possa nascere un nuovo spazio estivo tutto da godere, con tanto di spiaggia pubblica e parcheggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400