Giovedì 17 Gennaio 2019 | 05:21

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Visite per le patenti indagine del Nas

BARI - Accertamenti dopo la denuncia del fratello del Governatore Vendola che ha esposto una serie di irregolarità nei luoghi dove si svolgono le visite. L'ipotesi: esami in locali non idonei e senza strumenti. La Regione ha chiesto verifiche sulle agznezie di pratiche auto. Il ministero_ mai effettuati controlli incrociati
Visite per le patenti indagine del Nas
BARI - C’è un problema specificatamente sanitario. Ce n’è uno, economico, che riguarda le Asl. E c’è, non ultimo, l’aspetto fiscale. Quello delle visite mediche per il rinnovo delle patenti di guida (5 milioni ogni anno, circa 250mila solo in Puglia) è un settore poco conosciuto, di cui da qualche tempo si stanno occupando anche i carabinieri del Nas: il sospetto è che le visite non vengano effettuate come prescrive la legge, e che servano soltanto a sostenere un business milionario in mano ai privati.L’indagine è nata da un esposto, dettagliatissimo, presentato dall’oculista Vincenzo Vendola, che oltre ad essere il delegato della Soi (la società oftalmologica italiana) è anche il fratello del governatore Nichi Vendola. Quella del dottor Vendola è una battaglia antica, incentrata su un problema prettamente medico: oltre che dalle Asl, i certificati possono essere rilasciati dai medici militari, delle Ferrovie, della polizia e dei ministeri.

La visita riguarda anche i requisiti fisici, tra cui il visus, e dunque si configura un consulto oculistico, ma questo non avviene praticamente mai perché i medici militari dichiarano sempre di aver effettuato l’esame con esito positivo: nell’esposto sono stati riportati alcuni casi clamorosi. In più, la legge impone che queste visite avvengano in «gabinetti medici», cioè in locali dotati di determinati requisiti e delle attrezzature previste dalla legge regionale: invece, di solito, i rinnovi si fanno nel retro delle autoscuole, con strumenti a dir poco limitati.

Oltre alla problematica medica, c’è il risvolto economico. Chi sceglie di effettuare la visita presso le Asl deve versare 22 euro di ticket. Chi si rivolge alle agenzia (tra cui quelle dell’Aci) paga invece il rinnovo direttamente ai privati, compresa quindi la visita medica: il costo base del rinnovo patente per spese di spedizione, bolli e diritti della Motorizzazione è di circa 38 euro euro, ma ovviamente le agenzie applicano un proprio listino e dunque il pacchetto costa tra gli 80 ed i 120 euro.

Dalle sole visite per il rinnovo, le Asl pugliesi potrebbero incassare circa 5,5 milioni di euro di ticket. Invece incassano all’incirca il 10%. Tutto il resto finisce nelle casse dei privati, ovvero autoscuole ed agenzie di servizi, e dell’Aci. Ma - questo è uno dei punti dell’esposto - siamo certi che i privati stiano rispettando le regole previste dal codice della strada e dalle norme sanitarie? Il dubbio è venuto anche alla Regione, che ad aprile 2013 ha chiesto ai dipartimenti di prevenzione delle Asl di verificare che i locali in cui si svolgono le visite abbiano i «requisiti amministrativi, strumentali ed igienico sanitari alla luce di quanto previsto per gli studi medici». Una verifica che finora non risulta completata.

C’è poi il problema dell’evasione fiscale, noto anche al ministero dei Trasporti. Dato che da qualche mese i certificati per i rinnovi delle patenti vengono caricati on-line nel sistema della Motorizzazione, in teoria potrebbero essere svolti controlli incrociati sulle dichiarazioni fiscali dei medici. In pratica, però, nessuno lo ha mai fatto, e dunque quello dei rinnovi delle patenti continua ad essere un buco nero anche dal punto di vista fiscale. Tanto che in una bozza di legge delega per la riforma del Codice della strada è stata prevista anche la revisione dei soggetti abilitati al rilascio dei certificati, prevedendo l’esclusione dei medici in pensione che erano invece stati aggiunti nel 2010. Passerà? Gli addetti ai lavori spiegano che l’articolo 119 del Codice della strada è più prezioso del sacro Graal: guai a chi tenta di metterci le mani. [m.scagl.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400