Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 06:30

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Rischio multa Ue 60 milioni per discarica vicino a Matera

BRUXELLES – Si tratta della Matera/Altamura Sgarrone. Inizialmente, la procedura di infrazione ne aveva incluse 422. La sanzione proposta dall’avvocato generale dopo il nuovo deferimento dell’Italia alla Corte Ue per non aver rispettato la sentenza emessa dalla stessa Corte nel 2007, con cui il nostro Paese era stato già riconosciuto colpevole per centinaia di discariche illegali e omessi controlli nella gestione dei rifiuti
Rischio multa Ue 60 milioni per discarica vicino a Matera
BRUXELLES – E' al confine tra la Puglia e la Basilicata una delle due discariche illegali per le quali l'Italia rischia una infrazione da parte della Corte di giustizia europea di circa 60 milioni: si tratta della Matera/Altamura Sgarrone al confine tra Puglia e Basilicata. L'altra, ex impianto comunale, è Reggio Calabria/Malderiti in Calabria. Inizialmente, la procedura avviata dalla Commissione ne aveva incluse 422.

La misura della sanzione è contenuta nel parere dell’avvocato generale dopo il nuovo deferimento dell’Italia alla Corte Ue da parte della Commissione europea per non aver rispettato la sentenza emessa dalla stessa Corte nel 2007, con cui il nostro Paese era stato già riconosciuto colpevole per centinaia di discariche illegali e omessi controlli nella gestione dei rifiuti. Le conclusioni dell’avvocato generale formalmente non vincolano la Corte di giustizia, ma molto spesso vengono recepite nella sentenza finale, che secondo quanto si apprende "verrà pronunciata prossimamente".

La sanzione giornaliera proposta oggi, che ammonta a 158.200 euro al giorno, costituisce comunque una sorta di "sconto" nei confronti dell’Italia, visto che la multa richiesta inizialmente dall’esecutivo Ue era stata di 256.819,20 euro al giorno, sempre a partire da quando sarà pronunciata la sentenza fino al giorno in cui sarà stata eseguita la sentenza del 2007.

Come già detto, la Commissione europea in prima battuta aveva fatto riferimento all’uso di almeno 422 discariche illegali, ma alla fine ne ha contestate solo due: Matera/Altamura Sgarrone al confine tra Puglia e Basilicata e un’ex discarica comunale, Reggio Calabria/Malderiti in Calabria. In questo procedimento non rientrano però le discariche della Campania e di Malagrotta, oggetto di cause separate iniziate lo scorso anno.

L'altra violazione della normativa comunitaria che l’Italia dovrà sanare velocemente è la mancata bonifica delle discariche illegali di rifiuti chiuse, contenenti in parte rifiuti pericolosi. Bruxelles sostiene infine che l’Italia dovrebbe introdurre norme e controlli aggiuntivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400