Lunedì 21 Gennaio 2019 | 18:31

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 

Estetista uccisa, pm chiede giudizio immediato

BARI – La Procura di Bari ha chiesto il giudizio immediato per il 35enne Antonio Colamonico, accusato dell’omicidio volontario dell’amante 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino (nella foto), uccisa il 12 dicembre 2013 all’interno del centro estetico che gestiva a Mola di Bari. Il corpo della donna fu poi dato alle fiamme nello stesso centro estetico
Estetista uccisa, pm chiede giudizio immediato
BARI – La Procura di Bari ha chiesto il giudizio immediato per il 35enne Antonio Colamonico, accusato dell’omicidio volontario dell’amante 29enne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 all’interno del centro estetico che gestiva a Mola di Bari. Il corpo della donna fu poi dato alle fiamme nello stesso centro estetico. L’uomo, che è per questo imputato anche di incendio aggravato, è in carcere dal 9 aprile. All’identificazione di Colamonico i carabinieri del nucleo investigativo, coordinati dal procuratore aggiunto di Bari Lino Giorgio Bruno e dal sostituto Antonino Lupo, sono giunti alcuni mesi dopo l’omicidio grazie sia alle tracce di Dna trovate sotto le unghie della vittima sia incrociando altri elementi emersi nel corso delle indagini: come autopsia, consulenza su cellulari e computer e accertamenti sulle cause e modalità di propagazione dell’incendio.

La 29enne fu colpita prima al capo e al volto e, successivamente, con un paio di forbici, alla nuca, al collo e al torace, e infine strangolata. Poi il corpo fu dato alle fiamme. Omicidio preceduto, stando anche alla ricostruzione fatta dal gip Sergio Di Paola nell’ordinanza d’arresto di aprile, “da una colluttazione o comunque da uno scontro tra la vittima e l’aggressore”. Stando agli accertamenti disposti dalla magistratura, Colamonico avrebbe poi appiccato il fuoco “nel tentativo di cancellare le tracce”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400