Sabato 19 Gennaio 2019 | 07:34

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

«Bracconieri nel parco continuano a sparare»

ALTAMURA - Quattro anni dopo l’orrida morte di un sacerdote per mano di un bracconiere, le doppiette abusive esplodono ancora proiettili nell’area protetta del parco dell’Alta Murgia. La commemorazione della scomparsa di don Francesco Cassol, celebrata ieri ad Altamura, assume dunque in questo contesto un’importanza ancora più emblematica. (nella foto il monumento a don Cassol)
«Bracconieri nel parco continuano a sparare»
ALTAMURA - Quattro anni dopo l’orrida morte di un sacerdote per mano di un bracconiere, le doppiette abusive esplodono ancora proiettili nell’area protetta del parco dell’Alta Murgia. La commemorazione della scomparsa di don Francesco Cassol, celebrata ieri ad Altamura, assume dunque in questo contesto un’importanza ancora più emblematica. «Non avremo pace - ha detto durante la cerimonia il presidente dell’ente parco nazionale Alta Murgia, Cesare Veronico - fino a quando il fenomeno dei bracconieri, che dalle informazioni in nostro possesso è ancora presente sul territorio, non sarà sconfitto. Chiediamo “tolleranza zero” per questi reati. Rinnovare la memoria di don Cassol è per noi un dovere nei confronti di un grande uomo e della natura che lui amava più della sua stessa vita».

Il comandante del coordinamento territoriale per il Parco (Cta), Giuliano Palomba ha ribadito: «La nostra presenza oggi è un chiaro segnale della volontà di proseguire quel cammino di legalità e di salvaguardia nell’intero territorio del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. La commemorazione di un evento tragico ci ha ricordato quanto è fragile questo ecosistema e come vi è la necessità di non abbassare mai la guardia » . Davanti al crocifisso che ricorda il luogo dell’omicidio è stata deposta una corona di fiori. Alla cerimonia, che rientra tra le iniziative previste nel gemellaggio sottoscritto nel 2012 tra parco nazionale dell’Alta Murgia e parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, oltre a Veronico e Palomba, hanno partecipato il direttore dell’ente parco, Fabio Modesti, e gli assessori Giovanni Saponaro e Nina Dibenedetto per il Comune di Altamura. [g. arm.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400