Martedì 19 Febbraio 2019 | 19:34

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Rapina aggravata
Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

 
L'allarme
Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

 
In programma giovedì 21
Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 
L'evento
Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

 
Truffa
Bari, si fingeva geometra del Comune e derubava gli anziani: arrestato

Bari, si fingeva geometra del Comune e derubava gli anziani: arrestato

 
Alla facoltà di giurisprudenza
Bari, «Sexy avances dal professore»: per la Procura il caso è chiuso

Bari, «Sexy avances dal prof»: per la Procura il caso è chiuso

 
Ambiente ferito
Bari, mattanza di tartarughe marine: decapitate per superstizione

Bari, mattanza di tartarughe marine: decapitate per superstizione

 
I retroscena
Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

Bari, lo spacciatore di Madonnella ucciso per un affare sbagliato

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Soldi della mafia in banca Accuse su Bcc Alberobello Ex presidente: dimenticato dai tanti che ho aiutato

ALBEROBELLO (Bari) - La storia nasce da una piccola società: la Smg costruzioni, con sede ad Alberobello (Bari). Uno dei soci sarebbe un prestanome di Matteo Messina Denaro. In quella società c'è anche Maria Grazia Susca, imprenditrice pugliese e consigliere d’amministrazione del Credito cooperativo di Alberobello. Lo scorso anno la procura di Trapani aveva sequestrato quote di Smg perchè sarebbero riconducibili al boss Mesina Denaro
Soldi della mafia in banca Accuse su Bcc Alberobello Ex presidente: dimenticato dai tanti che ho aiutato
ALBEROBELLO (Bari) - La Procura nazionale antimafia ha aperto un’inchiesta sulla Banca di credito cooperativo di Alberobello e Sammichele, già da tempo nell’occhio del ciclone prima per l’attività ispettiva della Banca d’Italia poi per lo scioglimento del consiglio d’amministrazione sollecitato dalla stessa Bankitalia. I magistrati nazionali antimafia coordinano il lavoro delle procure di Trapani e Bari, che da più di un anno si occupano della vicenda. L’ipotesi è che dalle casse della Bcc possano essere transitati capitali mafiosi, in particolare quelli del clan trapanese dei Virga che sarebbero null’altro che il paravento del boss Matteo Messina Denaro.

I riflettori sono accesi su un’operazione immobiliare fatta a Trapani, la realizzazione del complesso «Il Melograno», 15 ville, ad opera della Smg costruzioni srl, la piccola società con sede ad Alberobello. Alcune quote societarie sarebbero di Maria Grazia Susca, imprenditrice pugliese e consigliere d’amministrazione del Credito cooperativo di Alberobello.I pm della Procura antimafia stanno verificando se sia reale il fil rouge che lega la città dei trulli e Castelvetrano, centro siciliano dal quale Messina Denaro avrebbe infiltrato capitali «sporchi» nell’istituto di credito del Barese. L’ipotesi è quella di un complesso puzzle di società di comodo, prestanome, conti correnti gonfiati e ardite operazioni finanziarie. Un’attività così anomala da aver richiamato le attenzioni della stessa Banda d’Italia che, al culmine di un’attività ispettiva, chiede ed ottiene nel giugno 2013 il commissariamento del Credito Cooperativo.

Le indagini, tuttavia, incrociano due personaggi siciliani ben noti negli ambienti investigativi: il primo è quello di Vincenzo Virga, accreditato dagli investigatori quale braccio destro di Matteo Messina Denaro, l’altro è quello di Vito Tarantolo, imprenditore originario di Gibellina. Nonostante le chiacchiere e i sospetti ( e qualche inchiesta giudiziaria) Tarantolo da anni si aggiudica appalti milionari in tutta la Sicilia. Le cose, per lui, si sono messe davvero male solo quando il suo nome è stato trovato nei pizzini scovati dalle forze di polizia nell’ultimo nascondiglio del boss Salvatore Lo Piccolo.

Una delle numerose aziende controllate da Tarantolo era proprio la Smg, che Maria Grazia Susca aveva nel frattempo venduto a due uomini vicini all’imprenditore siciliano, Giuseppe Ruggirello e Ferdinando Sortino, le cui vite sono ora al setaccio degli inquirenti antimafia. I magistrati tentano inoltre di capire la provenienza di due milioni di euro trovati sul conto corrente di una parente della Susca che però risulta una «semplice» impiegata. Anche questa «anomalia» fu segnalata alla Banca d’Italia: l’operazione andava in ogni caso segnalata secondo le normative antimafia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400