Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 19:25

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Rifiuti, Bari punta sulla raccolta differenziata

BARI - La raccolta differenziata si espande. «Negli ultimi anni abbiamo fatto passi da gigante - è soddisfatto il presidente di Amiu Puglia, Gianfranco Grandaliano - ma l’obiettivo è quello di raggiungere la quota del 40%». Ora tocca ai quartieri San Pasquale, Carrassi e Poggiofranco. In questi giorni i residenti stanno ricevendo le lettere con le indicazioni per separare in maniera corretta i rifiuti, insieme alle chiavette per l’umido
Rifiuti, Bari punta sulla raccolta differenziata
BARI - La raccolta differenziata si espande. «Negli ultimi anni abbiamo fatto passi da gigante - è soddisfatto il presidente di Amiu Puglia, Gianfranco Grandaliano - ma l’obiettivo è quello di raggiungere la quota del 40%». Ora tocca ai quartieri San Pasquale, Carrassi e Poggiofranco. In questi giorni i residenti stanno ricevendo le lettere con le indicazioni per separare in maniera corretta i rifiuti, insieme alle chiavette per l’umido. I bidoncini marroni, dove cestinare la frazione organica, sono infatti dotati di un’apertura a chiave. Coloro che l’avessero già smarrita possono contattare il numero verde dell’azienda di igiene urbana (800/01.15.58) e chiedere un duplicato.

Questa parte di immondizia è particolarmente importante: nei contenitori marroni vanno messi soltanto gli scarti di cucina (carne e pesce), quelli di frutta e verdura, le buste del the e la posa del caffè, senza aggiungere altro. In caso contrario gli scarti «inquinati» finiscono in un unico compattatore, ma il servizio è compromesso.
«Entro domani - dice Grandaliano - terminerà l’installazione dei bidoni carrellati da 240 litri dedicati all’organico nel quartiere San Pasquale, nella zona compresa tra viale Einaudi, via Amendola, via Capruzzi, via Re David e via Fanelli».
A Carrassi, Poggiofranco e San Pasquale, a disposizione di 26mila famiglie, saranno posizionati 360 contenitori (64 a Poggiofranco nell’ara rimanente rispetto all’ex porta a porta, 136 a Carrassi e 160 a San Pasquale). La consegna delle chiavette prosegue a Carbonara, Ceglie, Loseto, Murat, San Nicola, Libertà, Madonnella, Torre a Mare, San Girolamo, Fesca, Marconi, Japigia e Mungivacca.

Il presidente dell’Amiu insiste: «La raccolta dell’umido è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa nazionale e europea. La percentuale di differenziata sino ad oggi raggiunta, che si aggira intorno al 30%, è costituita in larga parte dalla frazione secca». Nel mese di luglio sono state raccolte 464 tonnellate di vetro. Nonostante gli avvisi, i baresi non hanno però ancora imparato a dividere correttamente la spazzatura. I più bravi a selezionare l’organico sono i residenti di Catino, del Villaggio del Lavoratore, di San Pio, di Palese, di Santo Spirito, del San Paolo e Stanic. Le situazioni più critiche si registrano, di contro, a Carrassi, San Pasquale e Japigia. Incoraggianti i risultati raggiunti presso le cucine, le mense e i fruttivendoli.

La maglia nera va ai ristoratori. Grandaliano annuncia il pugno di ferro: «Stiamo facendo i controlli e le multe». A rischiare di essere sanzionati sono comunque tutti i cittadini che abbandonano i rifiuti per strada, ai piedi dei cassonetti, creando disagi sotto il profilo igienico sanitario. Non va meglio per gli ingombranti, lasciati sui marciapiedi. Eppure il ritiro dei mobili è gratuito: va semplicemente concordato con l’azienda. Il picco è del 70%.

Aggiunge Grandaliano: «Stiamo pensando di installare le telecamere nelle zone sensibili e abbiamo chiesto aiuto alla polizia municipale per le verifiche. Si tratta di scarico illegale di rifiuti sul suolo pubblico». Gli elettrodomestici e le apparecchiature elettriche vanno consegnate al rivenditore dal quale si acquistano prodotti nuovi. Le azioni di sensibilizzazione e di informazione proseguono. Da settembre saranno coinvolte le scuole.

Intanto l’azienda, affinché la raccolta differenziata abbia un ritorno economico per i cittadini, ha predisposto un piano industriale che prevede tra l’altro la realizzazione per la seconda metà del 2015 di un impianto di trattamento della frazione organica con produzione di energia o biometano e compost di qualità, insieme a un impianto di recupero dimateria. [ant. fan.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400