Sabato 19 Gennaio 2019 | 04:48

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 

Capurso, sfida tra sindaci Ma la gara è ai fornelli

di DANIELA D'AMBROSIO
BARI -Laganari con peperoni friggitelli, fagiolini e vincotto: praticamente un’opera d’arte quella con cui Michele De Santis, sindaco di Cellammare, e Giuseppe Lovascio, di Conversano, hanno conquistato, all’unanimità dei votanti, il podio della gara gastronomica di Capurso, che ha visto impegnati simpaticamente ai fornelli anche i primi cittadini di Andria, Nicola Giorgino, Bitonto, Michele Abbaticchio, Domenico Birardi, Casamassima, Emilio Romani, Monopoli, Vincenzo Denicolò, Triggiano, e Francesco Crudele, il padrone di casa, fascia tricolore di Capurso.
Capurso, sfida tra sindaci Ma la gara è ai fornelli
DANIELA D'AMBROSIO
BARI -Laganari con peperoni friggitelli, fagiolini e vincotto: praticamente un’opera d’arte quella con cui Michele De Santis, sindaco di Cellammare, e Giuseppe Lovascio, di Conversano, hanno conquistato, all’unanimità dei votanti, il podio della gara gastronomica di Capurso, che ha visto impegnati simpaticamente ai fornelli anche i primi cittadini di Andria, Nicola Giorgino, Bitonto, Michele Abbaticchio, Domenico Birardi, Casamassima, Emilio Romani, Monopoli, Vincenzo Denicolò, Triggiano, e Francesco Crudele, il padrone di casa, fascia tricolore di Capurso.

Cucinare è più facile che amministrare? Pare di no, nessuno dei sindaci sembrava essere cuoco provetto ma hanno accettato di mettersi alla prova di buon grado, anche se, a detta di tutti, un bilancio di esercizio è cosa più semplice del fare armonizzare i sapori in una padella. E a casa? Come dice il proverbio: «Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna». A cui però si può portare il caffè a letto, come massima attenzione casalinga.

Grembiuloni e cappelli, gli sfidanti si sono messi all’opera divisi in quattro squadre, ognuna composta da due sindaci, neofiti dei fornelli e da due chef fra i più rinomati del Belpaese: a supportare i partecipanti, infatti e, diciamolo pure, veri creatori dei piatti, sono scesi in campo Daniele Caldarulo (team manager Nazionale italiana cuochi), Michelangelo Sparapano (componente Nic), Rocco Violante (Novecento – Bitetto), Vito Guglielmi (Dal monaco – Polignano), Emanuele Natalizio (Il Patriarca – Bitonto), Giuseppe Panebianco (Fishouse – Molfetta), Domenico Di Tondo (ex collaboratore del ristorante milanese Il luogo di Aimo e Nadia) e, arrivato direttamente da New York, Pasquale Martinelli (personal chef che ha cucinato per il sindaco Bloomberg, Chelsea Clinton, Martin Scorsese, Liza Minnelli, Gina Lollobrigida).

In giuria giornalisti della carta stampata, critici gastronomici, esperti e personaggi noti del mondo della gastronomia. Guest star della serata Almo Bibolotti.

La sfida, per il secondo anno consecutivo, nei giardini della villa comunale di Capurso, davanti alla Basilica della Madonna del Pozzo. La serata è stata organizzata dall’assessore al marketing territoriale di Capurso, Michele Laricchia, in collaborazione con l’associazione culturale «La Compagnia Della Lunga Tavola» del giornalista gastronomo Sandro Romano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400