Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 00:35

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 
La storia è una bufala
Bari, ristruttura villa e trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Troppo tardi per il cambio»

Bari, trova 150mln di lire del padre. Bankitalia: «Tardi per il cambio», ma è una fake news

 
Gesto senza motivo
Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne: ha agito senza motivo

Cassonetti bruciati a Bari, telecamere incastrano una 36enne della provincia

 

Regione, Vendola chiude «Scaduto il mio tempo» Nichi lancia Stefàno Anche il Centrodestra ha deciso: farà le primarie

BARI – L'era Vendola chiude in Puglia dopo dieci anni di guida della Regione. Il leader di Sel annuncia che non si ricandiderà per un terzo mandato e lancia come suo successore il senatore di Sel Dario Stefàno, presidente della giunta per le autorizzazioni a procedere di palazzo Madama. "Si è concluso il tempo per la mia esperienza di governo - dice Vendola nel corso dell’assemblea regionale di Sel – e per amore della Puglia non penso a un altro quinquennio, poichè significherebbe peccare di presunzione"
Regione, Vendola chiude «Scaduto il mio tempo» Nichi lancia Stefàno Anche il Centrodestra ha deciso: farà le primarie
BARI – L'era Vendola chiude in Puglia dopo dieci anni di guida della Regione. Il leader di Sel annuncia che non si ricandiderà per un terzo mandato e lancia come suo successore il senatore di Sel Dario Stefàno, presidente della giunta per le autorizzazioni a procedere di palazzo Madama.

"Si è concluso il tempo per la mia esperienza di governo - dice Vendola nel corso dell’assemblea regionale di Sel – e per amore della Puglia non penso a un altro quinquennio, poichè significherebbe peccare di presunzione".

La rinuncia al terzo mandato, che Vendola non aveva mai escluso finora, era comunque nell’aria all’indomani dell’annuncio di Stefàno di voler partecipare alle primarie con cui il centrosinistra individuerà, il prossimo 30 novembre, il candidato alla poltrona di governatore pugliese. "E noi – spiega Vendola rivolgendosi a Stefàno presente all’assemblea – a chi si lancia generosamente nell’arena, dobbiamo rendere il merito. Per questo, con tutto l’amore possibile, dico grazie Dario per essere in questa partita". Una partita di cui faranno parte anche l’ex sindaco di Bari e segretario regionale del Pd, Michele Emiliano, da molto tempo candidato alla presidenza della Regione, che ha promesso a Stefàno una "battaglia vera e leale, nell’interesse dei pugliesi che vogliono cambiare in meglio la loro regione".

Una discontinuità con Vendola, quella che lascia intendere Emiliano, cui non sembrano allinearsi altri due possibili candidati democratici alle primarie: l’ex assessore regionale alla Sanità e europarlamentare, Elena Gentile; e l’attuale assessore regionale alle Politiche giovanili, Guglielmo Minervini. Tuttavia, "chiunque vincerà le primarie sarà il mio candidato presidente", ha precisato Vendola, chiedendo poi a tutti i competitor di "mettere al bando trasformismi e trasformisti". Il riferimento, spiega, è a una "new entry del Pd nel Consiglio regionale pugliese, che ha detto di voler mettere fine a dieci anni di dittatura di Vendola".  Ma il leader di Sel potrebbe riferirsi anche a chi, da sempre suo alleato, ha di recente preso le distanze da Sel, che ha perso molti consensi e qualche sostenitore in Puglia. È il caso del parlamentare brindisino di Sel, Tony Mattarelli, che sulla stampa ha fatto un endorsement a Emiliano, e del presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, che ha dichiarato pubblicamente di "non essere iscritto a Sel" e che alle primarie sosterrà "un progetto politico e non un candidato".

"Torno a casa sereno", ha commentato Vendola. Ma non mancano "alcuni dolori per un procedimento di giustizia ancora aperto", aggiunge riferendosi all’inchiesta sull'Ilva nel quale è indagato. Anche se, ha concluso, "io penso che in uno Stato di diritto le persone per bene devono dormire tranquille, quelle per male devono perdere il sonno".

Nel giorno dell’addio di Vendola, il centrodestra annuncia che sceglierà il candidato-governatore con le primarie di coalizione. Una decisione presa dai coordinatori regionali di Forza Italia, Fratelli d’Italia, La Puglia prima di tutto, Nuovo Psi, Movimento politico Schittulli e Nuovo centrodestra. Il prossimo 28 luglio sarà comunicata la data della consultazione che si svolgerà secondo regole che saranno stabilite da un "tavolo tecnico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400