Giovedì 24 Gennaio 2019 | 03:53

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 

A Bari si mangia senza controllare

di ALESSANDRA MONTEMURRO
BARI - Solo l’8% dei cittadini del capoluogo legge «sempre» l’etichettatura degli alimenti all’atto dell’acquisto. L'indagine è stata realizzata somministrando un questionario appositamente predisposto a un campione di circa 5mila soggetti (46% maschi, 54% donne) scelti su tutto il territorio comunale e con una età media di 42 anni
A Bari si mangia senza controllare
di ALESSANDRA MONTEMURRO

BARI - Mangiare non significa solo nutrirsi. Anzi. Sedersi a tavola è un modo per scambiarsi informazioni e trascorrere momenti di relax. Il cibo stesso è considerato un piacere che va condiviso. Se a questo aggiungiamo che la cucina italiana è considerata una tra le migliori al mondo, ben si può immaginare quanto agli italiani piaccia passare qualche ora del proprio tempo a tavola. Ma c'è un ma. Globalizzazione, sofisticazioni e adulterazioni, fast food e take away, insieme alle trasformazioni industriali e sociali, stanno mettendo a dura prova la classica dieta mediterranea, determinando radicali cambiamenti nelle abitudini alimentari dei cittadini dell’Unione europea, italiani inclusi.

A tal proposito l’Efsa (European food safety authority), la più importante autorità in materia di sicurezza alimentare, in un recente studio ha svelato che circa l’85% degli europei ha un rapporto essenzialmente edonistico e poco consapevole con il consumo alimentare e tende a non considerare le informazioni inerenti dieta e salute, trascurando anche gli aspetti associati alla sicurezza alimentare.

Non sono da meno i baresi. Grazie all’indagine «Consumo consapevole, i baresi e il cibo: un rapporto mediatico e disinformato» - ideata dall’Associazione biologi e ambientalisti pugliesi (Abap), e realizzata nell’ambito di un project work dai corsisti del 16° master in «Alimentazione e nutrizione umana» e da quelli del 5° corso in »Sicurezza, certificazione e comunicazione alimentare» - è emerso che solo l’8% dei cittadini del capoluogo legge «sempre» l’etichettatura degli alimenti all’atto dell’acquisto. L'indagine è stata realizzata somministrando un questionario appositamente predisposto a un campione di circa 5mila soggetti (46% maschi, 54% donne) scelti su tutto il territorio comunale e con una età media di 42 anni.

Dai risultati si evince inoltre che il 50% dei baresi sceglie un prodotto in base alla marca e un altro 50% si basa sulle offerte promozionali. Numeri, questi, che vanno letti anche in relazione al periodo storico di crisi che si sta vivendo. «L'indagine (i cui risultati completi saranno illustrati il 10 luglio alle 16 nella sala consiliare della Provincia di Bari) è nata nel momento in cui, dopo una serie di riflessioni, ci siamo resi conto che c'è poca consapevolezza su come acquistare, trasportare, conservare e consumare i cibi» commenta Elvira Tarsitano, presidente dell’Abap.
«Con questo lavoro - prosegue - vorremmo sensibilizzare i consumatori a considerare l’atto del “fare la spesa” come un momento fondamentale nella determinazione delle condizioni di salute e favorire uno scambio di informazioni al fine di promuovere la cultura della conoscenza e del benessere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400