Domenica 20 Gennaio 2019 | 18:19

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Pentito: avrei ucciso per far parte  del clan Capriati

BARI– «Volevo il fiore (segno di affiliazione ad un clan mafioso, ndr) e lo chiesi durante l’ora d’aria ad Antonio Capriati. Ero già suo, mancava solo il battesimo che avrei ricevuto dopo 2-3 mesi di prova». Così Marcello Loiacono, collaboratore di giustizia del clan Capriati, racconta in videoconferenza la sua...
Pentito: avrei ucciso per far parte  del clan Capriati
BARI– «Volevo il fiore (segno di affiliazione ad un clan mafioso, ndr) e lo chiesi durante l’ora d’aria ad Antonio Capriati. Ero già suo, mancava solo il battesimo che avrei ricevuto dopo 2-3 mesi di prova». Così Marcello Loiacono, collaboratore di giustizia del clan Capriati, racconta in videoconferenza la sua affiliazione al gruppo malavitoso di Bari Vecchia.

Era il 2000. Loiacono era detenuto nel carcere di Bari. In quel periodo era in cella, nello stesso penitenziario, Capriati. Loiacono chiese al suo compagno di cella come potersi affiliare al clan. «Mi disse di farmi un giro e parlare con il boss. Volevo il fiore, l’affiliazione, e lui (Antonio Capriati, ndr) mi disse 'poi vediamò. Doveva informarsi su di me, sapere se ero una spia o se poteva fidarsi, capire cosa ero disposto a fare per la famiglia (il clan, ndr). Nei mesi successivi, prima del vero e proprio rito, mi affidò la gestione dello spaccio di droga a Modugno. Avrei anche ucciso per far parte del clan Capriati».
Loiacono risponde alle domande del pm di Bari Eugenia Pontassuglia, ricostruendo i rapporti tra gli affiliati e il boss, «la famiglia» dice, nel processo in corso dinanzi al Tribunale di Bari nei confronti di due persone imputate per associazione mafiosa. «Una volta fuori dal carcere – continua il pentito – andai a Bari Vecchia a conoscere il resto della famiglia. Alcuni mesi dopo, di nuovo in carcere, fu celebrato il rito alla presenza del boss».

La videoconferenza, per problemi tecnici, viene interrotta e il racconto del pentito rinviato al prossimo 27 novembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400