Giovedì 24 Gennaio 2019 | 11:33

NEWS DALLA SEZIONE

Nessun feritoq
Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

 
Il caso
Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

Lungomare San Girolamo, Melini: «Resta una brutta incompiuta»

 
Il meeting
Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

Congresso Cgil, Camusso incontra lavoratori Gazzetta del Mezzogiorno

 
Sentenze tributarie pilotate
Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

 
La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 

A Bari dalla Russia con il Levante in poppa

BARI - È arrivato a Bari il più grande veliero del mondo. È il «Sedov», battente bandiera russa, costruito nel 1921 in Germania, nave con un dislocamento di 7.230 tonnellate e la superficie velica di 4.192 metri quadri distesa su quattro alberi. «La Sedov giunge a Bari in visita di cortesia – si legge in una nota dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia – a suggellare l’importanza della Città di San Nicola per i cittadini russi»
A Bari dalla Russia con il Levante in poppa
BARI - È arrivato a Bari il più grande veliero del mondo. È il «Sedov», battente bandiera russa, costruito nel 1921 in Germania, nave con un dislocamento di 7.230 tonnellate e la superficie velica di 4.192 metri quadri distesa su quattro alberi. «La Sedov giunge a Bari in visita di cortesia – si legge in una nota dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia – a suggellare l’importanza della Città di San Nicola per i cittadini russi. Bari non è soltanto destinataria del crescente flusso turistico ma anche un riferimento culturale e spirituale di grande rilevanza. Questi rapporti assumono nel 2014 un valore ancora maggiore essendo l’Anno del turismo incrociato italo-russo e questa iniziativa porrà la città di Bari ancora una volta al centro della cooperazione italo-russa».

Il veliero Sedov è di proprietà dell’Agenzia per l’industria peschereccia della Federazione Russa ed è utilizzata come nave scuola, con un equipaggio di 230 persone. Nel 1945 fu ceduto all’Unione Sovietica come risarcimento per la Seconda guerra mondiale. Nel 2012-2013 ha compiuto il suo primo giro del mondo per onorare il 1550° anniversario della fondazione della Russia ed alcune date importanti di scoperte geografiche russe.
Durante i 14 mesi di navigazione la nave ha attraversato più di 45mila miglia marine ed ha attraccato in circa 30 porti in Europa, Asia, Africa ed America.

La «Sedov» a Bari è presso il Terminal Crociere e sarà possibile visitarla gratuitamente oggi e domani dalle ore 10 alle ore 18. Nella serata di domani è prevista la partenza. Ieri pomeriggio si è tenuta a bordo della «Sedov» una solenne cerimonia dello schieramento dell’equipaggio per salutare le autorità locali, alla quale sono stati intivati tra gli altri il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’Ambasciatore russo presso la Fao Alexander Gorban, il rappresentante dell’Agenzia russa per l’Industria peschiera Alexander Okhanov, il consigliere per l’Ambasciata in Italia Vitaly Fadeev, padre Andrey Boytsov priore della Chiesa Russa di Bari, Massimo Salomone, segretario generale Corpo consolare di Puglia e Basilicata , Rocky Malatesta direttore generale del Cesvir. Proveniente da Cattaro, dopo Bari il «Sedov» salperà per Palma di Maiorca e poi per il Portogallo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400