Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 03:44

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

Rissa dopo riunione mercato Bari, presidente Fiva: «Mi hanno spinto»

 
L'iniziativa
Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

Bari, mercato di via Napoli vicino al cimitero: c'è il progetto

 
Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
lA POLEMICA
Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

Bari: Piccolo Teatro chiude, blitz con gli attori sul palco

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Dopo 6 anni
Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

Bari, restituito agli Antro il patrimonio sequestrato

 

Scuolabus senza assicurazione imprenditori baresi a processo

BARI – Autobus senza assicurazione, con revisione scaduta, condizioni igieniche precarie, alunni costretti a viaggiare in numero superiore ai posti disponibili e senza personale di assistenza. Per i reati di truffa aggravata, turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture e falso ideologico, sono imputati sette imprenditori e le due Ati 'Miccolis' e 'Sabatò, per i presunti disservizi legati al trasporto scolastico negli anni 2005-2006 e 2006-2007 a Bari
Scuolabus senza assicurazione imprenditori baresi a processo
BARI – Autobus senza assicurazione, con revisione scaduta, condizioni igieniche precarie, alunni costretti a viaggiare in numero superiore ai posti disponibili e senza personale di assistenza. Per i reati di truffa aggravata, turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture e falso ideologico, sono imputati sette imprenditori e le due Ati 'Miccolis' e 'Sabatò, per i presunti disservizi legati al trasporto scolastico negli anni 2005-2006 e 2006-2007 a Bari.

Questa mattina nuova udienza del processo con rito abbreviato che si sta celebrando dinanzi al gup del Tribunale di Bari Ambrogio Marrone. Le indagini della Procura, coordinate dal pm Renato Nitti, erano state avviate dopo la denuncia di un genitore fatta quando lo scuolabus su cui viaggiava suo figlio era rimasto intrappolato tra le sbarre chiuse di un passaggio a livello. Gli accertamenti della magistratura avrebbero poi fatto emergere tutte le presunte inadempienze delle dieci aziende consorziate nelle due Ati e dei rispettivi titolari. Il Comune di Bari si è costituito parte civile nei confronti di tutti gli imputati.

Stando all’ipotesi accusatoria, gli imprenditori, all’epoca dei fatti vincitori di due appalti per complessivi 2,8 milioni di euro, avrebbero indotto in errore la società Servizi Trasporti Mobilità Bari e il Comune di Bari (enti appaltanti dei servizi scuolabus nel 2005 e nel 2006) non consegnando la documentazione richiesta dal bando (elenco dei mezzi e indicazione delle scuole, copia dei libretti di circolazione, delle polizze assicurative e delle patenti di guida, elenco del personale e piantina toponomastica indicante itinerario, punti di raccolta e orari). “Non possedevano strutture idonee da utilizzare quali autofficine e autolavaggi; – si legge nel capo d’imputazione – non hanno mai avuto mezzi a disposizione per fronteggiare eventuali emergenze; utilizzavano automezzi sprovvisti di copertura assicurativa e della prescritta revisione periodica, in stato di sporcizia e comunque inadeguati al servizio da svolgere; non effettuavano alcune delle corse previste”. La Procura ha quantificato le presunte truffe in circa 280mila euro, calcolando l’ingiusto profitto nella percentuale del 10 per cento sull'intero importo degli appalti conseguiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400