Mercoledì 19 Giugno 2019 | 21:24

NEWS DALLA SEZIONE

Le indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
Novità in città
Mercati settimanali, a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

Mercati settimanali a Bari: a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

 
Operazione della Dda
Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

 
L'episodio
Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

 
La storia
Bari, sepolto in casa, dai suoi stessi rifiuti: i vicini sono esasperati

Bari, sepolto in casa, dai suoi stessi rifiuti: vicini esasperati

 
Il caso
Bari, chiude il cinema Abc, davanti spuntano sedie e tavolini: controlli

Bari, chiude il cinema Abc, davanti spuntano sedie e tavolini: controlli

 
Quartiere Japigia
Bari, in 7 pestarono due adolescenti: denunciati, tra loro il nipote di un boss

Bari, in 7 pestarono due adolescenti: denunciati, tra loro il nipote di un boss

 
Maturità 2019
Anche Bari festeggia la sua Notte prima degli esami: i ragazzi intonano la hit di Venditti

Bari festeggia la sua Notte prima degli esami: i ragazzi intonano la hit di Venditti

 
Violenza
Bitonto, litiga con anziano in carrozzina: egiziano pestato da 4 giovani, aggredito il giorno dopo

Bitonto, litiga con anziano in carrozzina: egiziano pestato da 4 giovani, aggredito il giorno dopo

 
Fallimenti truccati
Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: testimone a processo

Bari, giudice denunciò falsi mandati di pagamento: ora è testimone a processo

 
Il processo
Omicidio anziana di Bitonto, favorirono latitanza boss Conte: in 2 a giudizio

Omicidio anziana di Bitonto, favorirono latitanza boss Conte: in 2 a giudizio

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
BariLe indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

Altamura, pregiudicato ucciso in casa davanti alla moglie e al figlio

ALTAMURA - Un giovane pregiudicato è stato ucciso ieri sera nella sua abitazione ad Altamura da un sicario armato con una pistola semiautomatica calibro 7,65 che, dopo essersi fatto aprire la porta di casa, gli ha sparato dinanzi alla moglie al quinto mese di gravidanza e al figlio di due anni. La vittima è Francesco Camisa, di 27 anni, sottoposto a regime di sorveglianza speciale per reati di droga
Altamura, pregiudicato ucciso in casa davanti alla moglie e al figlio
 ALTAMURA - Un giovane pregiudicato è stato ucciso ieri sera nella sua abitazione ad Altamura da un sicario armato con una pistola semiautomatica calibro 7,65 che, dopo essersi fatto aprire la porta di casa, gli ha sparato dinanzi alla moglie al quinto mese di gravidanza e al figlio di due anni.
La vittima è Francesco Camisa, di 27 anni, sottoposto a regime di sorveglianza speciale per reati di droga.

Secondo le prime ricostruzioni investigative, il sicario con il volto coperto da passamontagna, avrebbe suonato il campanello di casa della vittima, al terzo piano di una delle palazzine popolari in piazza generale Alberto Dalla Chiesa, nei pressi di via Selva. Ad aprire la porta di casa all’assassino, mentre Cammissa stava navigando in internet con il suo computer portatile seduto a letto, è stata la moglie. In pochi secondi il killer ha raggiunto la vittima in camera e ha fatto fuoco colpendolo mortalmente con la sua semiautomatica al petto ed alla testa.

Per Francesco Cammisa non c’è stato scampo, è morto immediatamente sotto gli occhi increduli dei suoi familiari che invano hanno chiesto aiuto.

L’assassino, dopo l’esecuzione, è fuggito a piedi facendo perdere le proprie tracce. Sul posto sono immediatamente arrivati i carabinieri della locale stazione, insieme ai colleghi della compagnia, del reparto operativo e del servizio investigazioni scientifiche del comando provinciale di Bari. Sulla scena del crimine è arrivato, anche, il sostituto procuratore della repubblica, della direzione distrettuale antimafia, Marcello Barbanente.

Non c’è ombra di dubbio chi ha sparato lo ha fatto con il chiaro intento di uccidere. A chiarire quale dei due proiettili è stato quello mortale sarà l’autopsia che verrà disposta nelle prossime ore.

Il movente dell’omicidio potrebbe essere legato ad un regolamento di conti tra clan malavitosi della zona che si contendono il mercato dello spaccio di droga. Non si esclude che l’esecutore materiale dell’efferato omicidio possa non essere del posto, forse un sicario professionista venuto da fuori ed ingaggiato per regolare un conto in sospeso o uno sgarro che andava lavato con il sangue. Al vaglio degli investigatori, anche eventuali collegamenti della malavita locale con la malavita organizzata campana del cla dei Casalesi. In queste ore vengono passate a setaccio ed analizzati dagli inquirenti, per cercare di dare una identità al killer e ai suoi complici che lo avrebbero aiutato nella fuga, i filmati delle videocamere di sorveglianza posizionate in tutta la zona. [Nicola Mangialardi]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie