Lunedì 21 Gennaio 2019 | 07:15

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Emergenza al cimitero le tombe sono esaurite

di LUCREZIA D’AMBROSIO
MOLFETTA - Dall’emergenza alla vergogna. Nel cimitero, da anni, non ci sono più loculi, e tra un po’ non ci sarà neppure spazio per le sepolture sottoterra. E, forse, assisteremo alla nuova frontiera dell’emigrazione, quella dei defunti nei cimiteri del circondario sempre che siano disposti ad accoglierli, sia pure in fase temporanea.
Emergenza al cimitero le tombe sono esaurite
di LUCREZIA D’AMBROSIO

MOLFETTA - Dall’emergenza alla vergogna. Nel cimitero, da anni, non ci sono più loculi, e tra un po’ non ci sarà neppure spazio per le sepolture sottoterra. E, forse, assisteremo alla nuova frontiera dell’emigrazione, quella dei defunti nei cimiteri del circondario sempre che siano disposti ad accoglierli, sia pure in fase temporanea. Da mesi, da anni, per essere precisi, i defunti nobili finiscono nelle cappelle di famiglia, quelli «fortunati» trovano ospitalità temporanea nelle cappelle dei conoscenti nobili e delle confraternite (in attesa del trasferimento quando saranno pronti i loculi), tutti gli altri sostano nella nuda terra che però comincia a scarseggiare. O così o niente. Oppure, ma c’è davvero da riflettere, per chi non vuole finire nella nuda terra (perché una volta lì, ci resti almeno per dieci anni, non un giorno in meno) in attesa di tempi migliori, c’è la possibilità di essere stipati nelle cappelle più popolose ma in piedi. Cioè il feretro, il cofano funebre, con tutto il suo carico di umana pietà, viene sistemato in verticale. E il caro estinto è costretto a «sgomitare» con il vicino come si trovasse in un treno regionale all’ora di punta. Indecoroso.

Per certi versi per nulla accettabile. A gennaio dello scorso anno la situazione era già al collasso. Ora di più. Nel frattempo c’è chi ha presentato al Comune richiesta di sopraelevazione di cappelle private già esistenti. E allora chissà che un giorno non si arrivi anche all’affitto dei posti, un «tot» al mese per un certo numero di anni, un nuovo business in attesa che la burocrazia si muova. Sta di fatto che la carenza di loculi è imbarazzante. A giugno dell’anno scorso erano quasi 500 i defunti sistemati provvisoriamente qua e là in attesa di una collocazione definitiva. Già nel piano delle opere pubbliche del 2010 si prevedeva la realizzazione di 1.100 loculi per arginare quella che allora era già una emergenza. Ma da allora non ne è stato realizzato neanche uno di loculi.

Sulla questione interviene, con una nota, Mariano Caputo, consigliere comunale di Molfetta Futura, assessore ai Lavori pubblici nella precedente amministrazione. «A nome del mio gruppo politico e dei cittadini di Molfetta faccio un appello al sindaco Natalicchio. Dica subito ai cittadini come intende arginare l’emergenza e proceda immediatamente a far elaborare uno studio di fattibilità da parte dei nostri tecnici comunali che individui una rosa di soluzioni possibili da discutere urgentemente in un prossimo Consiglio Comunale convocato ad hoc».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400