Venerdì 07 Ottobre 2022 | 15:19

In Puglia e Basilicata

Il commento

Dagli atleti con disabilità una lezione di coraggio

Dagli atleti con disabilità una lezione di coraggio

Rutigliano con la brindisina Abaterusso

«Da simpaticone quale sono, che ho sfidato un atleta senza braccia e senza una gamba sui 100 metri convinto di vincere e ho fatto una delle più belle figuracce della mia vita»

21 Settembre 2022

Luca Rutigliano*

BARI - In molti pensano che essere consigliere del presidente Michele Emiliano, e lavorare per la Regione Puglia, voglia dire stare solo seduti dietro una scrivania. E invece in pochi sanno che noi «saggi moderni», abbiamo una cosa in comune con gli atleti provenienti da tutto il mondo che sul lungomare si sono cimentati nella tappa barese della «Europe Triathlon Para Cup».

Quegli atleti domenica scorsa hanno sfidato non solo gambe amputate, braccia mozzate, sordità, cecità; ma freddo, vento, bufera e ignoranza della gente. Perché volere è potere, oggi più che mai ne sono cosciente. E confesso di aver preso per i fondelli il 90% degli atleti in competizione nella nostra città perché, se non avessi fatto così, mi sarei sentito l’unico diversabile presente alle Olimpiadi dei superdotati. Poi, però, devi fare i conti con la realtà e ti ritrovi a casa di tua madre, a piangere nel lettino in cui sei cresciuto, con la consapevolezza che le barriere sono solo mentali. E ho avuto l’onore di abbracciare, tifare e incitare grandi uomini e grandi donne: non smetterò mai di ringraziarli per la lezione più importante della mia vita. Chiudo dicendo, da simpaticone quale sono, che ho sfidato un atleta senza braccia e senza una gamba sui 100 metri convinto di vincere e ho fatto una delle più belle figuracce della mia vita.

Grazie ad Alessandro Antonacci e Marco Livrea di Zerobarriere e Nicola Intini di Oltré triathlon, per avermi regalato la possibilità di vivere e contribuire all’organizzazione di tutto questo. Grazie ai 20 giudici, ai 130 volontari, a quell’angelo scorbutico di Leandro Fanfani, che ha macinato almeno 750 km per distribuire acqua 16 ore al giorno. Infine, un bacio virtuale alla brindisina Martina Abaterusso per avermi abbracciato dicendomi che finalmente con noi, ieri, ha respirato aria di normalità. Da oggi sono un uomo migliore. 

*consigliere presidente emiliano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725