Sabato 10 Aprile 2021 | 23:25

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
in via Suppa
Bari, insulta donne e bambini, poi aggredisce agente: denunciato clochard

Bari, insulta donne e bambini, poi aggredisce agente: denunciato clochard

 
Il caso
Bari, controlli anti Covid, si spostano senza motivo in zona rossa: 5 multati in poche ore

Bari, controlli anti Covid, si spostano senza motivo in zona rossa: 5 multati in poche ore

 
Le immagini
Bari, caos fuori dalla Fiera per le vaccinazioni: file e assembramenti

Bari, caos fuori dalla Fiera per le vaccinazioni: file e assembramenti

 
Giustizia
Bari, pericolo contagi nelle aule: nuovi protocolli per celebrare i processi

Bari, pericolo contagi nelle aule: nuovi protocolli per celebrare i processi

 
Guardia Costiera
Da Bari al Salento per pescare ricci in zona protetta: denunciato sub

Da Bari al Salento per pescare ricci in zona protetta: denunciato sub

 
Il caso
Bufera a Polignano, sindaco invia audio ad amici: «Ci sono i vaccini per over 80, portate i vostri parenti»

Bufera a Polignano, sindaco invia audio ad amici: «Ci sono i vaccini per over 80, portate i vostri parenti»

 
Antimafia sociale
Gli studenti ricordano Michele Fazioucciso dai clan a Bari vecchia

Gli studenti ricordano Michele Fazio
ucciso dai clan a Bari vecchia

 
l'aggressione
Bari, detenuto aggredisce medici e scorta al pronto soccorso del Policlinico

Bari, detenuto aggredisce medici e scorta al pronto soccorso del Policlinico

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Lotta al virus

Vaccini, a Bari malati fragili in coda e caregiver nel limbo

Vaccini, a Bari malati fragili in coda e caregiver nel limbo

Migliaia di persone fragili vaccinate a Bari (oltre 6.600 tra ieri e domenica) e in tutta la Puglia (circa 13mila), tra giorno di Pasqua e Lunedì dell’Angelo. Finalmente. Precedenza agli under 16 con gravi disabilità (e a chi li accudisce), ma come sovente accaduto in queste poche settimane di campagna vaccinale, alcuni intoppi organizzativi hanno spinto verso l’alto tensione e pressione di molti. A partire dalla decisione pressoché improvvisa di partire a Pasqua, con accesso libero e ingressi scaglionati in ordine alfabetico, il cui risultato sono state code di ore fuori dalla Fiera del Levante e immancabili mugugni per un’operazione che avrebbe potuto prevedere un minimo di pianificazione.

Con un’altra grana all’orizzonte: quando nei prossimi giorni si spera, si darà il via alle somministrazioni di vaccini dedicate a disabili, malati oncologici, immunodepressi e pazienti annoverati sotto la dicitura fragili adulti, non sono stati compresi i loro caregiver, genitori, tutori, affidatari, familiari conviventi, inizialmente invece inclusi da una specifica circolare della Asl (con specifico riferimento a chi usufruisce della legge 104), poi smentita da un documento della Regione con l’esclusione di tutti i badanti di anziani e soggetti fragili adulti, «i quali continueranno ad essere vaccinati secondo le modalità finora previste per ciascuna categoria», recita un documento. Anche in questo caso, certo non volontariamente, sono stati creati cittadini di serie A e altri di B, salvo correttivi dell’ultim’ora, mentre c’è chi, dopo ore in attesa è stato invitato a tornarsene a casa. Il motivo? Finiti i vaccini.

Al lavoro quindi, centinaia di persone tra operatori sanitari, addetti e volontari della Protezione civile regionale e delle associazioni, veri angeli custodi di tutti noi da oltre un anno a questa parte, protagonisti anche di questa sessione dedicata alla popolazione più a rischio, assieme alla fascia dai 70 ai 79 anni, finora la meno vaccinata in assoluto in tutta Italia con immancabili riverberi negativi su curva dei contagi, colorazioni e gradi di libertà concessi. Entrambe finora sono state messe in coda nella lista delle categorie da immunizzare, con un duplice effetto negativo: la mancata riduzione delle ospedalizzazioni (tali fasce occupano il 95% delle terapie intensive e rappresentano le persone che hanno bisogno di maggiori cure) e dei decessi, ma soprattutto la rabbia crescente di chi finora si è sentito trascurato, messo da parte, inascoltato, nonostante viva drammi quotidiani da anni.

Il lato oscuro della luna poi, rivela la presenza dei soliti furbi, che magari hanno trovato un canale preferenziale per ricevere la somministrazione del vaccino. In barba a liste, priorità e rivendicazioni. Un dato nazionale rivela infatti, che nelle scorse settimane le Regioni hanno ricevuto lettere da tutti i presidenti degli Ordini - commercialisti, avvocati, giornalisti, notai - in cui, in qualche modo, rivendicavano la loro essenzialità e quindi la necessità di essere ritenuti prioritari nell’attuale campagna salvavita. Ovviamente, in barba al principio di solidarietà sociale che considera la presa in cura delle fragilità quale fondamento stesso del benessere collettivo.
Certo, aver seguito rigidamente il criterio dell’età anagrafica, nel Regno Unito e negli Usa ha prodotto risultati straordinari, che però rispetto all’Italia dispongono di milioni e milioni di dosi in più. Una carenza alla quale dovremmo tentare di sopperire con organizzazione e pianificazione. Al momento però si naviga a vista. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie