Domenica 01 Agosto 2021 | 21:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
editoria
Gazzetta, Decaro: «Una soluzione nelle prossime ore»

Gazzetta, Decaro: «Una soluzione nelle prossime ore»

 
Sicurezza
Monopoli, centri commerciali saccheggiati: tre persone denunciate

Monopoli, centri commerciali saccheggiati: tre persone denunciate

 
sangue sulle strade
Incidente mortale sulla statale 96

Incidente mortale sulla statale 96

 
nel barese
Lettini abusivi su spiaggia libera di Monopoli, scatta il sequestro

Lettini abusivi su spiaggia libera di Monopoli, scatta il sequestro

 
Accordo raggiunto
Bari calcio: bomber Antenucci rinnova fino al 2023

Bari calcio: bomber Antenucci rinnova fino al 2023

 
Allarme
Bari, terza settimana consecutiva con rialzo dei casi di positività al Sars Cov-2.

Bari, terza settimana consecutiva con rialzo dei casi di positività al Covid

 
Vari controlli
Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

 
Chiuse le indagini
Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

L'inchiesta

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti. Crac Fusillo: 14 a rischio processo

Si celebrerà il 15 febbraio, invece, l’udienza dell’altro processo sul crac dell’istituto di credito barese, in corso nell’aula «bunker» di Bitonto

Banca Popolare di Bari: i soci approvano il bilancio

BARI  - Slitta al 30 marzo l’inizio dell’udienza preliminare nei confronti di tre ex amministratori della Banca Popolare di Bari. Si tratta del secondo procedimento sulla gestione dell’istituto di credito barese da parte del vecchio management che arriva davanti ad un giudice e riguarda le cosiddette «operazioni baciate».

A risponderne, con le accuse di ostacolo alla vigilanza e false comunicazioni sociali, sono l'ex condirettore generale Gianluca Jacobini, con Giuseppe Marella e Nicola Loperfido, rispettivamente ex responsabili dell’Internal Audit e della Direzione Business. Imputata anche la banca per la responsabilità amministrativa degli enti. Identificate come parti offese Bankitalia e Consob, anche se centinaia di risparmiatori hanno già annunciato che chiederanno di costituirsi parte civile.

L’udienza preliminare era stata inizialmente fissata per il 28 gennaio 2021 dinanzi al gup del Tribunale di Bari Marco Galesi, ma è stata rinviata a marzo su richiesta delle difese.

Si celebrerà il 15 febbraio, invece, l’udienza dell’altro processo sul crac della Popolare di Bari, in corso nell’aula bunker di Bitonto in attesa di una sede idonea che contenga le centinaia di parti costituite, individuata nel cinema Showville. In questo filone sono imputati lo stesso Gianluca Jacobini e il padre Marco, ex presidente della banca, accusati di aver falsificato per anni i bilanci e i prospetti.

La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per 14 imputati, tra imprenditori ed ex vertici della Banca popolare di Bari, per i reati di bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio relativi al crac delle società Fimco e Maiora del gruppo imprenditoriale Fusillo di Noci. Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Lanfranco Marazia, l’istituto di credito barese sarebbe stato complice del fallimento delle società del gruppo Fusillo, di fatto gestendo buona parte delle operazioni finanziarie che in un decennio hanno portato al fallimento. Gli imprenditori, con la complicità dei vertici della banca, avrebbero così dissipato i beni aziendali con cessioni di quote e immobili per almeno 93 milioni di euro fino al 2019 e accumulato debiti stimati in circa 430 milioni di euro. Oltre agli imprenditori Emanuele, Giacomo, Giovanni e Vito Fusillo e a Marco e Gianluca Jacobini, padre e figlio rispettivamente ex presidente ed ex condirettore generale della banca, rischiano il processo l’ex amministratore delegato dell’istituto di credito barese, Giorgio Papa, gli ex dirigenti della Popolare di Bari Nicola Loperfido e Benedetto Maggi e gli imprenditori Massimiliano Curci, Vincenzo Elio Giacovelli, Nicola Valerio Lamanna, Salvatore Leggiero e Girolamo Stabile. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie