Domenica 25 Agosto 2019 | 16:11

NEWS DALLA SEZIONE

Polignano, c'è l'indagine
Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

 
L'emergenza
Caso Seu a Bari, la bimba di Bitonto lascia la Rianimazione

Caso Seu a Bari, la bimba di Bitonto lascia la Rianimazione

 
La campionaria
Bari, ambiente e clima: la Fiera del Levante apre ai problemi

Bari, ambiente e clima: la Fiera del Levante apre ai problemi

 
Vicino Teramo
Incidenti, auto si schianta in galleria su A14: muore 76enne di Btritto

Incidenti, auto si schianta in galleria su A14: muore 76enne di Btritto

 
Dalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
Un 24enne
Corato, dopo lite marocchino aggredisce poliziotti: in cella

Corato, dopo lite marocchino aggredisce poliziotti: in cella

 
Preso dai Cc
Bitonto, «paga o ti brucio la farmacia»: arrestato 32enne

Bitonto, «paga o ti brucio la farmacia»: arrestato 32enne

 
La disavventura
Sharm, fermati e isolati dalla polizia egiziana due trans bitontini: "Qui non entrate".

Sharm, fermate e respinte dalla Polizia egiziana due trans bitontine: «Qui non entrate»

 
L'operazione della Gdf
Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

 
Dopo un lungo inseguimento
Casamassima, polizia sventa rapina in farmacia: 3 banditi in manette

Casamassima, polizia sventa rapina in farmacia: 3 banditi in manette VD

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
LecceIl salvataggio
Castro, tartaruga urta barca e perde l'occhio: salvata dalla Guardia Costiera

Castro, tartaruga urta barca e perde l'occhio: salvata dalla Guardia Costiera

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
HomePolignano, c'è l'indagine
Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

Costa Ripagnola, il resort fra i "trulletti" finisce sotto i fari della Procura

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 
FoggiaLa band canta in via Zara
I «Kolors» oggi a Foggia per un concerto gratuito

I «Kolors» oggi a Foggia per un concerto gratuito

 

i più letti

La difesa

Xylella, i legali degli indagati
«Nostre analisi come dati Procura»

Francesco Paolo e Onofrio Sisto, difensori dei cinque ricercatori: «Non c'è stato dolo nè inganno da parte dei ricercatori baresi» dell’Università, Cnr e Iam, indagati dalla magistratura di Lecce

ulivi colpiti da xylella

BARI - «Non c'è stato dolo nè inganno da parte dei ricercatori baresi» dell’Università, Cnr e Iam, indagati dalla magistratura salentina nell’ambito dell’inchiesta sulla diffusione della Xylella. Lo sostengono gli avvocati Francesco Paolo e Onofrio Sisto, difensori dei cinque ricercatori, che in una conferenza stampa convocata a Bari hanno tentato di smontare le accuse della Procura sostenendo che, dati alla mano, «le opinioni scientifiche dei cinque ricercatori sono in assoluta linearità e coerenza con quelle dei consulenti della Procura».
 

li scienziati baresi, in concorso colposo con altre cinque persone tra le quali l’ex commissario straordinario per l'emergenza Xylella, Giuseppe Silletti sono indagati a vario titolo di diffusione di una malattia delle piante, violazione dolosa delle disposizioni in materia ambientale, falso materiale commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici, falso ideologico, getto pericoloso di cose, distruzione o deturpamento di bellezze naturali. Secondo i difensori, la Procura accusa in sostanza di negligenza i ricercatori sulla base di dati grezzi risalenti a maggio 2015, nei quali si ipotizzava una variabilità genetica del batterio che poi è invece stata esclusa nel luglio successivo. Sia i consulenti della procura, sia i ricercatori indagati - sottolineano i legali - sono arrivati alla conclusione che il ceppo di Xylella che infetta gli alberi è uno solo: la sottospecie «pauca», ceppo CoDiRO (ST53). «Nessuno dei cinque scienziati indagati ha quindi tratto in alcun modo in errore nessuno, tantomeno la comunità europea e le istituzioni chiamate a decidere», hanno ribadito i difensori. Peraltro, "agli scienziati non spetta il compito di prendere decisioni, ma quello di fornire alle istituzioni gli elementi utili per farlo». I legali contestano inoltre alla Procura anche l'individuazione delle aree infette che, secondo i pm avrebbero spesso i confini di particelle catastali, ma che in alcuni casi sono individuate in aree senza vegetazione e addirittura cementificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie