Mercoledì 29 Gennaio 2020 | 13:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto motociclista in via Caldarola e fugge: preso dalla Polizia

 
Le dichiarazioni
Palagiustizia Bari, Bonafede: «In 6 mesi da tendopoli a palazzo di 10 piani»

Palagiustizia Bari, Bonafede: «In 6 mesi da tendopoli a palazzo di 10 piani»

 
Il caso
Bari, inchiesta palazzina della 'morte' a Japigia, indagato l'ex sindaco Francesco De Lucia

Bari, inchiesta palazzina della «morte» a Japigia: indagato l'ex sindaco De Lucia.
La replica: «Colpe altrove»

 
Processo Pandora
Mafia a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. La sentenza

Mafia ultimi 15 anni a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. La sentenza

 
La storia
Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

 
Lo stop nel 2013
Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

 
Il giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
L'operazione
Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

 
Il caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaEconomia
A Melfi si produrrà la nuoiva Jeep Compass, «ossigeno» per gli operai fcamelfi,

A Melfi si produrrà la nuoiva Jeep Compass, «ossigeno» per gli operai Fca

 
TarantoIl ministro sull'ex Ilva
Taranto, ArcelorMittal, fatture non pagate: aziende dell'indotto domani in assemblea

Taranto, su Mittal ultimatum di Patuanelli: «Chiudere intesa entro venerdì o si va in Tribunale»

 
Materala scoperta
Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

 
FoggiaLa segnalazione
Foggia, allarme bomba, evacuato il Tribunale

Foggia, falso allarme bomba nel Tribunale

 
Brindisil'operazione
Brindisi, turbativa d'asta nella vendita di beni all'asta: due ai domiciliari

Brindisi, turbavano le aste giudiziarie per aggiudicarsi i beni: due arrestati

 
BariL'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto motociclista in via Caldarola e fugge: preso dalla Polizia

 
BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 

i più letti

La difesa

Xylella, i legali degli indagati
«Nostre analisi come dati Procura»

Francesco Paolo e Onofrio Sisto, difensori dei cinque ricercatori: «Non c'è stato dolo nè inganno da parte dei ricercatori baresi» dell’Università, Cnr e Iam, indagati dalla magistratura di Lecce

ulivi colpiti da xylella

BARI - «Non c'è stato dolo nè inganno da parte dei ricercatori baresi» dell’Università, Cnr e Iam, indagati dalla magistratura salentina nell’ambito dell’inchiesta sulla diffusione della Xylella. Lo sostengono gli avvocati Francesco Paolo e Onofrio Sisto, difensori dei cinque ricercatori, che in una conferenza stampa convocata a Bari hanno tentato di smontare le accuse della Procura sostenendo che, dati alla mano, «le opinioni scientifiche dei cinque ricercatori sono in assoluta linearità e coerenza con quelle dei consulenti della Procura».
 

li scienziati baresi, in concorso colposo con altre cinque persone tra le quali l’ex commissario straordinario per l'emergenza Xylella, Giuseppe Silletti sono indagati a vario titolo di diffusione di una malattia delle piante, violazione dolosa delle disposizioni in materia ambientale, falso materiale commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici, falso ideologico, getto pericoloso di cose, distruzione o deturpamento di bellezze naturali. Secondo i difensori, la Procura accusa in sostanza di negligenza i ricercatori sulla base di dati grezzi risalenti a maggio 2015, nei quali si ipotizzava una variabilità genetica del batterio che poi è invece stata esclusa nel luglio successivo. Sia i consulenti della procura, sia i ricercatori indagati - sottolineano i legali - sono arrivati alla conclusione che il ceppo di Xylella che infetta gli alberi è uno solo: la sottospecie «pauca», ceppo CoDiRO (ST53). «Nessuno dei cinque scienziati indagati ha quindi tratto in alcun modo in errore nessuno, tantomeno la comunità europea e le istituzioni chiamate a decidere», hanno ribadito i difensori. Peraltro, "agli scienziati non spetta il compito di prendere decisioni, ma quello di fornire alle istituzioni gli elementi utili per farlo». I legali contestano inoltre alla Procura anche l'individuazione delle aree infette che, secondo i pm avrebbero spesso i confini di particelle catastali, ma che in alcuni casi sono individuate in aree senza vegetazione e addirittura cementificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie