Giovedì 04 Giugno 2020 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

La donazione
Fase 2, Confagricoltura Bari regala oltre 5mila mascherine a operai agricoli

Fase 2, Confagricoltura Bari regala oltre 5mila mascherine a operai agricoli

 
Post Covid 19
Record di rientri in Puglia: oltre 20mila persone registrate in meno di 24 ore

Record di rientri in Puglia: oltre 20mila persone registrate in meno di 24 ore

 
Lutto in città
Bari, addio a Max Paganini: amministratore della Mater Dei e del Gruppo CBH

Bari, addio a Max Paganini: amministratore della Mater Dei e del Gruppo CBH

 
Il caso
Bari, in 20 protestano davanti Consiglio Regione per parco Costa Ripagnola

Bari, in 20 protestano davanti Consiglio Regione per parco Costa Ripagnola

 
Tecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Il racconto
Francesca Mangiatordi e  Elena Pagliarini

«Vi racconto i 100 giorni dell’inferno a Cremona», la testimonianza di una dottoressa di Altamura

 
l'iniziativa
Turi, il Covid non ferma la Sagra della Ciliegia Ferrovia, che diventa itinerante e solidale

Turi, il Covid non ferma la Sagra della Ciliegia Ferrovia, che diventa itinerante e solidale

 
la storia
«La nostra odissea burocratica»: hanno compilato 15 autocertificazioni per tornare da Londra a Bari

«La nostra odissea burocratica»: 15 autocertificazioni per tornare da Londra a Bari

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa donazione
Fase 2, Confagricoltura Bari regala oltre 5mila mascherine a operai agricoli

Fase 2, Confagricoltura Bari regala oltre 5mila mascherine a operai agricoli

 
FoggiaI provvedimenti
Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

 
Tarantole nuove date
Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno

Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno

 
Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
Potenzalavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

La testimonianza

Coronavirus, l’infermiere Vincenzo «Mazinga», da Terlizzi volontario a Milano

«Situazione veramente difficile, ma non siamo eroi», racconta

corsia d'ospedale

È rientrato in servizio come infermiere sulla trincea Covid di Milano, Vincenzo Chiapparino, 50 anni, di Terlizzi amante degli sport estremi, partito col primo nucleo di volontari per le Regioni del Nord in emergenza, giovedì scorso. Aveva lasciato un anno e mezzo fa il suo lavoro all’Asl di Bari, prima al pronto soccorso e poi al 118, per tentare la via della progettazione e commercializzazione di attrezzature sportive all’estero, in particolare «longboard surfskate», una disciplina simile allo skateboard, in Italia ancora poco praticata. Poi è arrivato il nemico invisibile e Vincenzo – Mazinga come lo ha soprannominato qualche amico su Facebook – ha deciso di usare coraggio e spericolatezza per affrontarlo.

Perché ha partecipato al bando per l’emergenza Coronavirus al Nord?
«Non potevo stare a guardare, ho un animo sensibile. Non è la prima volta che mi impegno con la Protezione civile, sono stato anche all’Aquila dopo il terremoto. Ho sentito il dovere di fare qualcosa, mentre il mondo era fermo: mi sono rimesso la divisa da infermiere con parecchia emozione. Per la mia esperienza in rianimazione sono stato assegnato al nuovo ospedale Fiera di Milano, quello costruito in 10 giorni. L’ho visitato, è incredibile, ma i moduli non sono ancora tutti pronti e in attesa che finiscano i collaudi sono in un’altra struttura sanitaria all’avanguardia, il Policlinico Maggiore, dietro al Duomo, in un reparto riconvertito in terapia intensiva».

Come è stato l’impatto con il Covid?
«Ero preparato al peggio e non mi perdo mai d’animo, ma devo dire che la situazione è veramente difficile e già nelle prime 24 ore ho assistito a più decessi. Non c’è neanche il tempo di dispiacersi che arrivano nuovi pazienti critici. Si cerca di salvarli, di svezzarli dai ventilatori, ma non si vede altro che paura, dolore e tristezza negli occhi dei malati».

Il momento più critico?
«Dal primo turno sono uscito provato. Già alla fine della vestizione di protezione con tuta, mascherina, visiera e il resto non riuscivo a respirare, si formava l’anidride carbonica e mi mancava il respiro, perdevo l’orientamento, non puoi toccarti. Dopo qualche ora mi sono adattato, anche perché non ho avuto più tempo di pensarci: urgenza dopo urgenza si perde la cognizione del tempo. Un turno equivale a dieci e torno stremato in albergo».

Come è stato accolto?
«Ero sull’aereo della Finanza con tutte le autorità ed il Ministro per gli Affari Regionali, siamo atterrati a Bologna, abbiamo avuto una accoglienza ufficiale. La parola eroi però non ci piace: ora tutti si accorgono del nostro lavoro, ma ho salvato tante vite in 25 anni di reparti d’emergenza. Ora ho dato la mia disponibilità a rimanere a Milano più dei 21 giorni previsti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie