Domenica 09 Agosto 2020 | 22:21

NEWS DALLA SEZIONE

l'Incidente
Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

 
La storia
Dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi fantasma

Covid-19, dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi «fantasma»

 
fase 3
Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

 
SANITÀ
Mini gare: Asl Bari sotto accusa: «300 euro per far montare carrozzina inutilizzabile»

Mini gare Asl Bari sotto accusa: «300 euro per far montare carrozzina inutilizzabile»

 
LA GAZZETTA NEI BAR
Bari, caffè, pucce e Gazzetta: benvenuti al Napoleon

Bari, caffè, pucce e Gazzetta: benvenuti al Napoleon

 
l'episodio
Bari, aggredisce e minaccia i poliziotti del Policlinico: arrestato 49enne

Bari, aggredisce e minaccia i poliziotti del Policlinico: arrestato 49enne

 
nel Barese
Casamassima, aggredirono volontari associazione Carabinieri in Congedo che sedavano una lite: arrestati

Casamassima, aggredirono volontari associazione Carabinieri in Congedo che sedavano una lite: arrestati

 
LAVORO
Bari, «Licenziato con un pretesto dopo 31 anni di servizio»

Bari, «Licenziato con un pretesto dopo 31 anni di servizio»

 
La decisione
Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

 
Turismo
«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

L'iniziativa

Noci, ex professoressa diventa cantastorie sui social: la quarantena passa in fretta

Parla Giulia Basile, 75 anni, insegnante in pensione, già sindaco di Noci

Noci, cantastorie sui social, la quarantena passa in fretta

Noci - C’era una volta... La favola arriva da Noci, dove una nonna di 75 anni, ex insegnante ed ex sindaco, costretta a casa da un brutto virus che continua a infestare il mondo, ha pensato di vincere la solitudine e l’isolamento raccontando storie, avventure e poesie attraverso Facebook. La protagonista si chiama Giulia Basile, professoressa di lettere in pensione, mamma di tre maschi e nonna di tre nipoti.

Vedova, vive sola da tanti anni e in tempi di Covid-19 riempie le sue giornate raccontando dal profilo personale di Fb la sua quarantena, attraverso letture in versi, specialmente in dialetto, favole davanti al camino con il sottofondo della chitarra, poesie. Qualche anno fa pubblicò un libro di fiabe, di cui molte ispirate dal più grande dei suoi nipotini. Prima ancora era arrivata in libreria con la poesia. «Che è il salvagente della mia anima», dice.

Oggi c’è Facebook a mantenerla in contatto con il mondo «Non faccio certo parte della generazione digitale – ammette – provengo infatti da quella del ditale, quella delle nonne che ci insegnavano l’arte del ricamo, ma ho pensato che la mia età non poteva farmi rinunciare alla possibilità di fare dei social uno strumento di comunicazione del mondo e mi auguro che i miei video possano essere utili in questi giorni di paura». Ha iniziato a insegnare giovanissima, a 26 anni, pochi giorni prima di discutere la tesi di laurea aveva avuto già una supplenza, poi la prima cattedra a San Buono, qualche migliaio di anime a 30 km da Vasto, dove, ricorda con emozione «una volta scese così tanta neve che da un elicottero buttarono giù i sacchi di patate nella piazza del paese».

Poi il ritorno in Puglia fino a Noci. Ha smesso di insegnare nel 2000. Fu eletta sindaco e «per fare le cose al meglio» rinunciò all’insegnamento. Ma dal 2003 è iniziata quella che lei definisce un’ondata irripetibile di dolore. Non ha concluso il suo mandato elettorale perché 19 consiglieri, tutti uomini, depositarono le firme contro di lei, cinque minuti prima che l’ufficio protocollo del Comune chiudesse, di venerdì santo. Tre mesi dopo morì suo padre e qualche tempo dopo suo marito, docente di educazione fisica, per un infarto. Nel 2009 è stata lei a soffrire per un tumore al Colon: «Era in fase avanzata, mi avevano dato il 50% delle possibilità, ma sono passati 11 anni e sono ancora qua».

Anche per questo la prof.ssa Basile osserva alla lettere le prescrizioni del Governo, pressata dalle raccomandazioni dei suoi figli. E’ uscita solo una volta per andare in farmacia e un’altra per sensibilizzare alla raccolta sangue, essendo lei presidente dell’Avis di Noci che ha contribuito a portare a Noci insieme all’associazione DARF (Donne associate nel rinnovamento femminile). Trascorre le giornate tra cucina e faccende domestiche. In fondo meglio così, che essere sindaco in questo momento: «Ci ho pensato – dice – e per questo do tutto il mio sostegno al sindaco di Noci e a tutti quelli d’Italia».

In programma per i prossimi giorni ci sono tante altre storie da raccontare tra cui una favola che si chiama «Wuhan e le 7 porte». Sono quelle della conoscenza, spiega. Che è conforto della mente e dell’anima. Soprattutto nei momenti di solitudine. «Altrimenti si impazzisce».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie