Martedì 31 Marzo 2020 | 09:41

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Odissea Costa Diadema, parla la figlia del marittimo di Mola a bordo: «Attaccato a respiratore sulla nave»

Odissea Costa Diadema, parla la figlia del marittimo di Mola a bordo: «Attaccato a respiratore sulla nave»

 
Il virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
Il racconto
Gioia del Colle, la storia di un autotrasportatore: «Vivo nel camion così proteggo la mia famiglia»

Gioia del Colle, la storia di un autotrasportatore: «Vivo nel camion così proteggo la mia famiglia»

 
A Mola
«Mola smart walking»: il Comune lancia piattaforma per laboratori culturali e di sport online

«Mola smart walking»: il Comune lancia piattaforma per laboratori culturali e di sport online

 
L'emergenza
Covid 19 in Puglia, le famiglie senza reddito: ora si rischia la rivolta al Sud

Covid 19 in Puglia, le famiglie senza reddito: ora si rischia la rivolta al Sud

 
L'iniziativa
Coronavirus Bari, il Comune crea conto corrente unico per le donazioni: i proventi ai bisognosi

Coronavirus Bari, il Comune crea conto corrente unico per le donazioni: i proventi ai bisognosi

 
L'iniziativa
Coldiretti Puglia, contro la povertà post Covid 19 arriva la «spesa del contadino»

Coldiretti Puglia, contro la povertà post Covid 19 arriva la «spesa del contadino»

 
Il caso
Monopoli, gli fanno versare soldi sulla prepagata per comprare auto: 2 denunce per truffa

Monopoli, gli fanno versare soldi sulla prepagata per comprare auto: 2 denunce per truffa

 
Il gesto
Coronavirus, olivicoltori donano ventilatori polmonari, tute e maschere al Policlinico di Bari

Coronavirus, olivicoltori donano ventilatori polmonari, tute e maschere al Policlinico di Bari

 
emergenza coronavirus
Bari, Emiliano invita enti e agenzie regionali a liquidare parcelle avvocati

Bari, Emiliano invita enti e agenzie regionali a liquidare parcelle avvocati

 
emergenza coronavirus
Altamura, muore vigile urbano risultato positivo

Altamura, muore vigile urbano risultato positivo

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
San Severo, anziana finisce la spesa e chiama i cc: militare a fine turno gliela porta a casa

San Severo, anziana finisce la spesa e chiama i cc: militare a fine turno gliela porta a casa

 
Barila storia
Odissea Costa Diadema, parla la figlia del marittimo di Mola a bordo: «Attaccato a respiratore sulla nave»

Odissea Costa Diadema, parla la figlia del marittimo di Mola a bordo: «Attaccato a respiratore sulla nave»

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

i fatti nel 2014

Altamura, tentarono di uccidere un innocente per uno scambio di persona: 2 arresti

Sono Mario Dambrosio, 49enne di Altamura e Alfredo Sibilla, 34enne di Bari. Il bersaglio era stato scambiato per l'autore dell'omicidio del fratello di Dambrosio

Altamura, tentarono di uccidere un innocente per uno scambio di persona: 2 arresti

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere ad Avellino (AV) e Voghera (PV), emesse del Gip del Tribunale barese, su richiesta della competente Procura della Repubblica - DDA, nei confronti di Mario Dambrosio, 49enne di Altamura e Alfredo Sibilla, 34enne di Bari, ritenuti tra i responsabili del tentato omicidio di Pietro Bigi, 50enne di Altamura, avvenuto ad Altamura il nell’agosto 2014.

Il provvedimento restrittivo è stato adottato in base agli elementi raccolti in seno ad un’indagine conclusa nel novembre del 2019 dal Nucleo Investigativo di Bari e svolta attraverso articolate e complesse attività tecniche e dinamiche corroborate dalle dichiarazioni di quattro collaboratori di giustizia. L'accusa è di tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso ai danni di un innocente che era stato scambiato per l'autore dell’omicidio di Bartolomeo Dambrosio, fratello di Mario Dambrosio, che era stato ucciso nel 2010.

Le indagini hanno accertato che Mario Dambrosio - già condannato in appello quale partecipe del clan mafioso «Dambrosio» di Altamura e mandante della cosiddetta "bomba al Circolo Green» di quel centro, fatto avvenuto nel marzo 2015, in seguito al quale perse la vita innocentemente il giovane calciatore altamurano Domenico Martimucci - per vendicare l’omicidio del fratello Bartolomeo Dambrosio - avvenuto nel settembre 2010 per mano di Michele Loiudice, figlio di Giovanni Loiudice detto «Giannino», un pregiudicato locale - aveva incaricato Alfredo Sibilla detto «il brillante», contiguo al clan Di Cosola di Bari, di uccidere, assieme ad un complice allo stato non ancora identificato, Giovanni Loiudice. L'agguato si doveva concretizzare nella mattina del 24 settembre 2014 presso l’Ospedale Perinei di Altamura dove Mario Dambrosio aveva avuto notizia di una visita diagnostica cui il Loiudice avrebbe dovuto sottoporsi. I killer - armati con una pistola calibro 45 e in possesso di una effige fotografica della vittima designata - la individuarono erroneamente in un uomo che usciva dal nosocomio, scambiandolo per Loiudice ed esplosero contro di lui tre colpi di pistola che lo colpirono al torace e al braccio. Si trattò di un tragico scambio di persona in quanto l’uomo ferito era l’innocente Bigi Pietro, carpentiere incensurato di Altamura, che si trovava in ospedale per accertamenti legati ad un incidente sul lavoro e che, a causa delle lesioni riportate non è stato più in grado di svolgere la sua attività lavorativa. Il Giudice per le Indagini Preliminari ha riconosciuto, per il fatto, la sussistenza dell’aggravante del cosiddetto 'metodo mafiosò, in quanto le circostanze dell’azione sono state quelle tipiche delle condotte poste in essere dal un sodalizio mafioso dal momento che l’agguato è stato compiuto in pieno giorno, in un luogo densamente frequentato, a volto scoperto e con esplosione di più colpi d’arma da fuoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie