Martedì 28 Giugno 2022 | 17:50

In Puglia e Basilicata

Il caso

Bari, addio a scarichi fognari in mare: ecco il progetto da 230 mln di Aqp

Bari, addio a scarichi fognari in mare: ecco il progetto da 230 mln di Aqp

Sull'impianto di «Torre del Diavolo» sono inoltre in corso interventi di manutenzione straordinaria (1,5 milioni di euro) ed è stata avviata la progettazione per la sostituzione della seconda condotta fognaria di 2,5 km dal depuratore di Bari Est

10 Febbraio 2020

Redazione online

E’ di 20,4 milioni di euro l'investimento di Acquedotto Pugliese per il nuovo impianto di sollevamento fognario «Torre del Diavolo», in località Torre Carnosa sulla costa sud di Bari. L’intervento si aggiunge ai lavori per depurazione, reti idriche e fognarie nel capoluogo pugliese che avranno un costo complessivo di 230 milioni di euro. Sull'impianto di «Torre del Diavolo» sono inoltre in corso interventi di manutenzione straordinaria (1,5 milioni di euro) ed è stata avviata la progettazione per la sostituzione della seconda condotta fognaria di 2,5 km dal depuratore di Bari Est (6,5 milioni di euro). Il complesso degli interventi sull'impianto, che si concluderanno entro tre anni, consentirà di evitare lo sversamento a mare dei reflui. E’ in corso la gara d’appalto, con un investimento di 25,5 milioni di euro, anche per i lavori di potenziamento del depuratore di Bari Est, a Japigia, e si concluderanno entro l’anno quelli del depuratore di Bari Ovest, nel quartiere San Paolo, finanziati con altri 34,6 milioni di euro.

«Dopo 50 anni mettiamo finalmente mano a interventi per migliorare la qualità di vita dei cittadini e risolvere problemi antichi, come gli impianti di depurazione, che non interessano solo Bari ma diversi comuni dell’area metropolitana» ha dichiarato l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Giovanni Giannini. Altri 21 milioni di euro saranno impiegati per i prolungamenti delle condotte sottomarine dei due depuratori. Per evitare lo sversamento di acque nere e meteoriche sulla spiaggia di Pane e Pomodoro saranno, inoltre, eseguiti lavori per complessivi 31 milioni di euro relativi alla separazione tra fogna bianca e fogna nera. «A fronte di circa 1.100 km di strade comunali, solo il 15% (170 km) è coperto da una rete di fognatura bianca» ha spiegato il sindaco, Antonio Decaro, ricordando il «parco progetti preliminari per 120 milioni di euro» messo in piedi dall’amministrazione comunale «per il potenziamento e il riordino del sistema fognario pluviale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725