Lunedì 27 Gennaio 2020 | 13:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 
Il caso
Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

 
La visita
Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

 
Il furto
Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

Putignano, topo d'appartamento in trappola: pizzicato mentre parla con il walkie talkie

 
Lotta alla droga
Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

 
Cervelli in fuga
Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

Laura, 19 anni, da Bari a Londra e poi in Africa: «All'estero credono in me. Non penso di tornare»

 
La novità
Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

 
L'inchiesta
Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

 
Aggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 
TarantoIl caso
Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

Forum bambini e mass media

Bari, sexting tra minori: uno studente su due l'ha provato a scuola. Garante: «Bisogna vigilare»

Secondo la ricerca il 53,8% dei liceali ha inviato o ricevuto di testi o immagini sessualmente esplicite tramite Internet o telefono cellulare

Lecce, condivide selfie 13ennenuda: denunciato un liceale

BARI - Uno studente su due (53,8%) delle scuole superiori di Bari e provincia (età da 14 a 18 anni) ha fatto esperienza di sexting, cioè l’invio o la ricezione di testi o immagini sessualmente esplicite tramite Internet o telefono cellulare. Il 19,6% dei giovani ha ammesso di aver inviato o condiviso, almeno una volta, immagini o video di se stesso in pose sexy e/o con espliciti riferimenti sessuali e nell’11% dei casi il destinatario era uno sconosciuto. Mentre, il 20,8% dichiara di aver inviato o condiviso immagini o video sexy di altri coetanei. Sono alcuni dei dati che emergono da una ricerca svolta dal Comitato permanente «Osservatorio generazionale» dell’Università Aldo Moro di Bari per rilevare i pericoli legati all’utilizzo delle nuove tecnologie con cui i "nativi digitali» hanno a che fare quotidianamente: Internet, chat, App. I risultati sono stati resi noti questa mattina in Consiglio regionale durante la presentazione degli atti della II e III Assemblea nazionale del Forum «Bambini e mass media».

All’incontro hanno partecipato il garante regionale dei diritti dell’infanzia, Ludovico Abbaticchio, il giornalista Enzo Quarto, portavoce del Forum, e l’assessora all’Istruzione del Comune di Bari, Paola Romano. La ricerca ha coinvolto un campione di 1.005 studenti, di cui 513 maschi e 492 femmine. Il 17,6% degli studenti ha ammesso di aver ricevuto attraverso la Rete messaggi minatori, l’11% è stato offeso o umiliato pubblicamente attraverso Internet. Il 17,2% denuncia la diffusione di foto e/o video privati senza il proprio consenso. Otto studenti su dieci (79,3%) hanno avuto almeno un contatto con uno sconosciuto in Rete, il 51,1% ha dichiarato di aver ricevuto una foto dallo sconosciuto durante il contatto e il 48,8% invece ha ricevuto una proposta di appuntamento. Il 29,2% ha accettato la richiesta di invio di una foto personale, l’11% si è mostrato in webcam. 

Il 55,8% degli studenti delle scuole superiori di Bari e provincia (età da 14 a 18 anni) è connesso ad Internet dalle 2 alle 6 ore al giorno, mentre uno studente su tre è solito andare in Rete mentre studia o durante le lezioni in classe. Il dato emerge dalla ricerca svolta dal Comitato permanente «Osservatorio generazionale» dell’Università Aldo Moro di Bari per rilevare i pericoli legati all’utilizzo delle nuove tecnologie con cui i «nativi digitali» hanno a che fare quotidianamente: Internet, chat, App. I risultati sono stati resi noti questa mattina in Consiglio regionale durante la presentazione degli atti della II e III Assemblea nazionale del Forum «Bambini e mass media».

La ricerca ha coinvolto un campione di 1.005 studenti, di cui 513 maschi e 492 femmine. Sono i maschi a passare più tempo su Internet, il 57,9% ammette di essere «connesso» dalle 2 alle 6 ore al giorno, la percentuale cala 55,7% nelle femmine. Il 40,6% dei giovani studenti baresi dichiara di essere abituato a dormire tenendo lo smartphone o il tablet accanto a sé, il 16,7% è solito distrarsi durante i pasti per leggere un messaggio, una e-mail o controllare una notifica ricevuta online. Il 44,5% del campione ammette di perdere la cognizione del tempo trascorso su Internet, poco più di uno su quattro va a dormire tutti i giorni molto tardi per navigare.

LE PAROLE DEL GARANTE - «La tecnologia deve essere utilizzata dai nostri ragazzi perché rappresenta il loro presente e futuro, anche nel loro lavoro avranno a che fare con la tecnologia più di oggi. Noi adulti, però, dobbiamo fare in modo che l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione avvenga in maniera corretta, governato attraverso l’educazione familiare e scolastica». Il Garante dei diritti dell’infanzia della Regione Puglia, Ludovico Abbaticchio, commenta così i risultati di una ricerca svolta dal Comitato permanente 'Osservatorio generazionalè dell’Università di Bari, per rilevare i pericoli legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. I risultati sono stati resi noti questa mattina in Consiglio regionale durante la presentazione degli atti della II e III Assemblea nazionale del forum 'Bambini e mass media'.

A novembre si terrà la quinta Assemblea nazionale del Forum, oggi è iniziato il percorso con il primo incontro. «Il tema - prosegue Abbaticchio - è che l’uso del web e dei nuovi sistemi di apprendimento e comunicazione devono essere gestiti in maniera corretta affinché l’apprendimento avvenga in maniera rapida ma con le dovute tutele. I nostri ragazzi si mettono in discussione, riflettono sulle questioni, non sono dei superficiali come qualcuno vorrebbe farli passare. Sono persone che ragionano e riflettono innanzitutto su se stessi, sono giovani coraggiosi che stanno costruendo il loro futuro attraverso un quotidiano che, alcune volte, è difficile».

Sul troppo tempo trascorso su internet e i pericoli legati al cyberbullismo, Abbaticchio dice: «I genitori devono avere attenzione affinché i ragazzi non trascorrano troppo tempo davanti a pc e telefoni, occorre che riscoprano il gusto di utilizzare anche un gioco da tavola, leggere un libro tenendolo tra le proprie mani e non attraverso internet. E poi occorre dialogo diretto, non mediato». «Il Cyberbullismo - conclude - è a mio avviso un aspetto patologico di questo sistema, così come la povertà è un aspetto patologico che può portare al passaggio verso la criminalità. Il bullismo è sempre esistito, il cyberbullismo è l’espressione moderna».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie