Venerdì 07 Maggio 2021 | 00:28

NEWS DALLA SEZIONE

Corruzione
«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

 
La spiaggia pubblica
Bari, dopo l'interdittiva antimafia un nuovo gestore per Torre Quetta

Bari, dopo l'interdittiva antimafia un nuovo gestore per Torre Quetta

 
Lotta al virus
Bari, familiare di un paziente Covid entra in visita in terapia intensiva: è la prima volta

Bari, familiare di un paziente Covid entra in visita in terapia intensiva: è la prima volta

 
La novità
Puglia, fornitura gratuita dei libri di testo e sussidi didattici disco verde alla procedura on line per studenti a basso reddito

Puglia, fornitura gratuita dei libri di testo e sussidi didattici
disco verde alla procedura on line per studenti a basso reddito

 
Il caso
Conversano, invasione di insetti in ospedalechiude la sala operatoria per evitare infezioni

Conversano, invasione di insetti in ospedale
chiude la sala operatoria per evitare infezioni

 
Pandemia
Bari, i più giovani in coda ma il vaccino è fantasma alla Fiera

Bari, anche i più giovani in coda con il sogno di vaccinarsi

 
La scoperta
Bari, nella stanza affittata nel b&b nascondevano la droga: tre arresti

Bari, nella stanza affittata nel b&b nascondevano la droga: tre arresti

 
Il caso
Bari, abbandonano mobili e rifiuti in strada a San Girolamo, l'ira di Decaro: «Multati»

Bari, abbandonano mobili e rifiuti in strada a San Girolamo, l'ira di Decaro: «Multati»

 
La sentenza
Processo Case di cura riunite di Bari, dopo 20 anni assolti ex manager Biallo e il boss Parisi

Processo Case di cura riunite di Bari, dopo 20 anni assolti ex manager Biallo e il boss Parisi

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Terrani spinge l Bari: «Coraggio, puoi farcela!»

Terrani spinge l Bari: «Coraggio, puoi farcela!»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCorruzione
«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

«Scarcerate De Benedictis e Chiariello»

 
NewsweekLa curiosità
Barletta, ecco “Adoc” il cane che si morde la coda

Barletta, ecco “Adoc” il cane che si morde la coda

 
FoggiaCovid
Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

 
PotenzaCovid
Basilicata, ultimi giorni in arancione

Basilicata, ultimi giorni in arancione.
Ma otto comuni restano rossi

 
LecceL'iniziativa
Lequile, la festa della mamma con le piantine di “Genitori e Poi”

Lequile, la festa della mamma con le piantine di “Genitori e Poi”

 
PotenzaL'iniziativa
Satriano di Lucania, valorizzati a fini turistici i 140 murales

Satriano di Lucania, valorizzati a fini turistici i 140 murales

 
TarantoLa città invivibile
Taranto, gira tra auto con una sfera in metallo50enne denunciato dalla Polizia di Stato

Taranto, gira tra auto con una sfera in metallo
50enne denunciato dalla Polizia di Stato

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

 

l'incontro

Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

L'economista oggi interviene alla Libreria Laterza del capoluogo, insieme al governatore Emiliano e al direttore della Gazzetta De Tomaso

Alan Friedman a Bari: «Questa non è l'Italia»

Come si può analizzare la deriva dell’Italia, tra storie segrete e verità shock? Scrivendo un saggio che si può leggere come un romanzo. È la ricetta di Alan Friedman, giornalista esperto di economia e politica, conduttore televisivo e scrittore statunitense che conosce e ama a tal punto il nostro Paese, da porsi diverse domande nel suo nuovo libro. Cercando di dare più di una risposta. Questa non è l’Italia (Ed. Newton Compton, pagg. 320, euro 12,90) è la sua ultima pubblicazione che sarà presentata oggi alla Libreria Laterza di Bari, alle 18: insieme all’autore interverranno il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno Giuseppe De Tomaso e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

Il libro è una bussola per navigare nel caotico mare dell’attuale situazione politica ed economica. È la cronaca snella e documentatissima dei quattordici mesi del governo gialloverde, fino agli albori della sua caduta. Affrontando le spinose tematiche dell’euro, del debito pubblico e dei conti italiani; spiegando con numeri e cifre l’impatto sull’economia dell’instabilità politica nazionale. E dipingendo un quadro ricco di dettagli su personalità come Mario Draghi, Jean-Claude Trichet, Paolo Savona e Steve Bannon.

«Ho deciso di scrivere il libro nel giugno 2018 - spiega Friedman - quando il governo gialloverde era iniziato: sapevo che sarebbe stato come nessun altro nella storia italiana. Un governo formato dalla Lega di Salvini, tra populisti, militanti antieuro e sovranisti da un lato. Dall’altro, i neofiti confusionari dei pentastellati. Questa fusione mi sembrava decisamente preoccupante per l’economia, e purtroppo avevo ragione. Questo libro è il coccodrillo del governo gialloverde».

Quali i tratti peggiori mostrati dall’Italia durante quei 14 mesi?
«Sicuramente lo spreco di politiche come Quota 100 o il pasticcio del reddito di cittadinanza. Ma anche il clima di odio e di paura che abbiamo respirato. Elementi di un’Italia che non riconosco. Spero d’ora in poi in qualche risveglio della coscienza nazionale. Il movimento delle “sardine” potrebbe anche essere la prova che gli italiani sanno essere un popolo solidale, non così incattivito».

Secondo lei a che punto è il consenso di Salvini adesso?
«Abramo Lincoln disse: “Potete ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre”. Di certo l’Italia oggi è un Paese spaccato, come l’America. La metà del Paese oggi voterebbe Salvini e Meloni. L’altra metà del Paese non è filo-Putin, antieuropeista o cupo. Se si andasse oggi a votare, credo però che Salvini diventerebbe Presidente del Consiglio. È un paradosso, ma è così».

Come giudica il governo giallorosso in carica?
«Potrebbe restare al potere fino alla fine del suo mandato. Per tre motivi: esiste innanzitutto per bloccare Salvini e per evitare che possa influenzare la scelta del successore di Mattarella a fine 2021. E poi ci sono le nomine di primavera 2020: ce ne saranno circa 500, tra presidenti, amministratori delegati e cda di grandi aziende e autorità statali. Sappiamo quanto ci tengano i partiti governativi. Terzo elemento decisivo è l’economia: il governo giallorosso ha fatto bene a bloccare l’aumento dell’Iva; così come c’è la consapevolezza che si debba abbassare l’Irpef per i lavoratori meno abbienti. Ma sono molto perplesso dal tasso di discontinuità di questo governo, come dice anche Giuseppe Conte: prosegue la politica suicida di Quota 100 che spreca 8 miliardi di euro all’anno, o il reddito di cittadinanza che favorisce il lavoro nero. E poi è strano che Di Maio e i grillini in questo momento imitino Salvini. L’abbiamo visto nel caso delle politiche del MES - il fondo salva-Stati europeo - per il quale Di Maio ha letteralmente copiato le idee del leader leghista. Per fortuna Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’economia, ha spiegato quanto la propaganda di Salvini contro il MES fosse ridicola».

Dobbiamo guardare con speranza al futuro?
«Bisogna avere gli occhi aperti. In questo periodo l’economia italiana vive un processo di stagnazione e crescita zero. Il governo giallorosso non è ancora giudicabile a pieno. Ma sono ottimista: l’Italia è un Paese ricco e di genio imprenditoriale. Potrebbe farcela se gli italiani imparassero a fare squadra. Lo scrivo nella dedica finale: questo libro è per tutti gli italiani che osservano con sgomento la rabbia e la miseria che ci circondano. E pensano: “Questa non è l’Italia. Noi non siamo così. Siamo migliori di così”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie