Lunedì 01 Giugno 2020 | 04:40

NEWS DALLA SEZIONE

fase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
Via Manzoni pedonale? Fioccano i dubbi

Bari, via Manzoni pedonale? Fioccano i dubbi

 
L'INIZIATIVA
Mascherine tricolori, sit in sul lungomare

Bari, mascherine tricolori, sit in sul lungomare

 
la protesta
Bari, manifestazione Gilet arancioni: «Basta con le menzogne. La pandemia non esiste»

Bari, manifestazione Gilet arancioni: «Basta con le menzogne. La pandemia non esiste» FOTO

 
Nel barese
Ruvo, auto rubata e data alle fiamme in zona «Matine»

Ruvo, auto rubata e data alle fiamme in zona «Matine»

 
LA SENTENZA
Scatta la terza condanna a carico di «Cassa Prestanza»: dovrà versare 34mila euro a una ex dipendente comunale

Bari, «Cassa Prestanza» dovrà pagare buonuscita a ex dipendente comunale

 
emergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
Il concessionario Audi Magnifica
Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

 
Emergenza
Snobbati i test a Gravina. In 25 su 40 non si fidano

Bimbo di 2 anni fa test sierologico a Gravina. Gli adulti lo snobbano: in 25 su 40, non si fidano

 
emergenza coronavirus
Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati

Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati del Libertà

 
Paesaggio
Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore

Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore del Fai

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

La sentenza

Mafia a Bari, condanna ridotta al boss Campanale per l'omicidio di «u'ciucc»

Assolto presunto complice, avevano entrambi avuto ergastolo

Triplice omicidio a Bari«Non mafia ma pura vendetta»

BARI - La Corte di Assise di Appello di Bari ha ridotto dall’ergastolo a 30 anni di reclusione la pena inflitta nei confronti del pregiudicato barese 49enne Leonardo Campanale e ha assolto «per non aver commesso il fatto» il 31enne Gianfranco Caputi, anche lui condannato in primo grado all’ergastolo, imputati per l’omicidio premeditato aggravato dal metodo mafioso del 58enne Nicola Lorusso, ucciso l’11 gennaio 2015.

Per Caputi, accusato di essere alla guida dell’auto con a bordo il killer, è stata disposta l’immediata scarcerazione. Leonardo Campanale, boss dell’omonimo clan del quartiere San Girolamo di Bari, avrebbe ucciso Nicola Lorusso, della famiglia mafiosa rivale, per vendicare la morte del padre, Felice Campanale, che era stato ammazzato nell’agosto 2012 su ordine di Umberto Lorusso, figlio di Nicola. L’11 gennaio 2015, dopo decine di tentati omicidi, agguati e sparatorie nelle strade del rione a nord di Bari, arrivò la risposta a quel delitto, con l'assassinio di Nicola Lorusso, colpito da 11 colpi di kalashnikov mentre era in compagnia della moglie, alle 9.30 di una domenica mattina vicino la pineta di San Francesco e alla presenza di numerose donne e bambini. Per gli inquirenti della Dda fu una vera e propria esecuzione, firmata con una corona di bossoli attorno al corpo della vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie